CASO ROM – La consigliera della Lega D’Alessandro “Impegniamo i vigili urbani per il controllo del territorio”

maria domenica d'alessandro
pasta La Molisana
eventi tenuta santa cristina venafro
Smaltimenti Sud
ristorante il monsignore venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
Banca di credito cooperativo Isernia
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

CAMPOBASSO – La consigliera comunale già candidata sindaco per il centrodestra Maria Domenica D’Alessandro su quanto è avvenuto con il funerale rom e da qui le conseguenze che stiamo a contare in questi giorni chiama in causa  soprattutto il sindaco Gravina ricordandogli le sue responsabilità.

“La situazione, in Molise, sta precipitando. I casi di contagio sono triplicati in pochi giorni e la questione riguardante il funerale e le feste organizzati dalla comunità rom, a dispetto delle restrizioni imposte per arginare il Coronavirus con i contagi, continua ad indignare la popolazione. Quella stessa popolazione che, invece, in questi mesi non ha trasgredito e che oggi è in ginocchio per la forte crisi economica che ha ulteriormente attanagliato il Paese. È inevitabile, a questo punto, sollecitare i vertici istituzionali ad intervenire concretamente e a monitorare seriamente il territorio per evitare che certi fatti riaccadano. A partire dal nostro sindaco: Roberto Gravina. Il primo cittadino di Campobasso, nella sua ultima conferenza stampa, non ha assunto un minimo di responsabilità rispetto agli assembramenti dei rom. Nessun mea culpa, piuttosto solo uno scarica barile.

“Eppure caro sindaco – rimarca con forza la consigliera comunale della Lega, Maria Domenica D’Alessandro – qui c’è un’emergenza. È il caso di ricordare che Lei, quale ufficiale del Governo, può adottare, con atto motivato provvedimenti anche contingibili ed urgenti nel rispetto dei principi generali dell’ordinamento, al fine di prevenire ed eliminare gravi pericoli che minacciano l’incolumità pubblica e la sicurezza urbana. La nota della Questura parlava di un funerale tra la popolazione Rom. Lei doveva fare controlli, essere presente o delegare, chiedersi cosa sarebbe accaduto e non confondere la sua personale responsabilità con quella della Questura. Il fatto che non fosse un funerale non cambia la sua posizione, conta quello che ha letto sulla nota della Questura e che avrebbe dovuto farla saltare dalla sedia. Non finisce qui. Signor sindaco, da lungo tempo, doveva pretendere di partecipare al tavolo dell’Unità di crisi fin dall’inizio! Il virus non aspetta nessun tipo di organizzazione e bisogna essere preparati al peggio, sperando che il peggio non arrivi. E’ questo l’atteggiamento giusto. La crisi richiedeva una gestione autorevole, che è mancata.

Dunque. Più informazione e più sicurezza, che oggi ancor più coincidono con la salute dei cittadini! Poi il monitoraggio. C’è un’emergenza covid e manca un numero dedicato h 24 sette giorni su sette, per chi ha bisogno di aiuto immediato o anche solo di informazioni sul suo caso specifico. Ricordo: è un’emergenza! Al cittadino bisogna assicurare sostegno costante, non a fasce orarie e a giorni lavorativi. Il virus non si ferma, ce lo sta dimostrando. Ed allora, ancora una volta, ribadiamo di puntare sul controllo del territorio, utilizzando anche il corpo dei vigili urbani. Servono misure urgenti e improcastinabili. Sindaco si occupi dei suoi cittadini”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
panettone di caprio
Futuro Molise
panettone artigianele natale di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
Maison Du Café Venafro

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone artigianele natale di caprio
Maison Du Café Venafro
colacem
faga gioielli venafro isernia cassino
Futuro Molise
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: