REGIONE – Risorse FinMolise dormienti a imprese e famiglie, Fontana (M5S) “Toma sconfitto”

finmolise
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
ristorante il monsignore venafro
Smaltimenti Sud
faga gioielli venafro isernia cassino
DR 5.0 Promozione
pasta La Molisana
Maison Du Café Venafro
eventi tenuta santa cristina venafro
DR F35 Promozione

CAMPOBASSO – Fondi dormienti in FinMolise, circa 12 milioni di euro, da utilizzare per imprese e famiglie in difficoltà. Il Consiglio regionale ha infatti approvato una mozione, a firma di Valerio Fontana del M5S.

“Nei mesi scorsi – ha detto Fontana – abbiamo analizzato l’ultimo bilancio presentato dalla società finanziaria regionale Finmolise, scoprendo l’esistenza di fondi relativi a specifiche misure di finanziamento o di garanzia del credito, immediatamente riprogrammabili perché liberi da vincoli. Dalla nostra analisi parliamo di circa 12 milioni di euro, precisamente 9.460.562 euro di fondi Fesr, da utilizzare in ambito creditizio, e 2.946.089 euro di fondi Fsc, quindi utilizzabili per la spesa corrente.

Faccio qualche esempio. Il Fondo unico anticrisi, il primo fondo di garanzia attivato con risorse FESR, risulta inattivo e dispone di 13.433.266 euro a fronte di garanzie rilasciate ancora in piedi per soli 7.332.156 euro. A questo va aggiunta una nuova tranche che attualmente ha una disponibilità di 2.382.153 euro a fronte di garanzie ancora in piedi per 436.530 euro. Oppure il Fondo Energia POR FESR 2007-2013, anche questo inattivo, ma con disponibilità liquida di 1.435.058 euro a fronte di impegni per soli 21.228 euro. Ancora, il Fondo Piccoli prestiti alle microimprese ‘Mi fido di te’ con risorse ferme e non riprogrammate: 1.997.124 euro disponibili a fronte di impegni stimati per 67.930 euro. Si tratta di risorse che possiamo mettere a disposizione delle imprese tramite prestiti a fondo perduto e questo è un aspetto fondamentale.
La mozione approvata oggi impegna la Giunta ad un’attenta ricognizione su tutti i fondi ‘dormienti’, ma soprattutto impegna Toma ad attivare misure di garanzia destinate ad imprese e famiglie che non possono accedere ai finanziamenti, perché non dispongono di capacità di garanzia reale e non possono ricorrere al credito bancario ordinario. In questo senso il M5S chiede l’istituzione di un fondo di garanzia per i soggetti non bancabili, perché la stragrande maggioranza dei bandi regionali rivolti all’imprenditorialità e allo sviluppo prevedono garanzie reali e fideiussorie onerose che escludono tanti cittadini.

“Accanto all’importanza economica della mozione – conclude Fontana –  c’è anche il dato politico. Ancora una volta il governatore Toma, che in Aula ha apertamente invitato i suoi a votare contro questi impegni, è stato sconfitto. Anche parte della maggioranza ha infatti preferito schierarsi apertamente contro di lui e a favore di una misura giusta e concreta che finalmente libera milioni di euro a favore dell’economia molisana. È la prova che la maggioranza non esiste nonostante i sorridenti sforzi del governatore. Toma politicamente ha perso anche oggi, sconfitto dai temi, dalle proposte, dal buonsenso. Tutti concetti, ormai, a lui sconosciuti.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone artigianele natale di caprio
Futuro Molise
colacem
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
panettone artigianele natale di caprio
Futuro Molise
panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: