SANITA’ – Potenziamento del “San Timoteo”, il M5S propone un confronto interistituzionale locale

SANITA', Potenziamento, San Timoteo, M5S, confronto interistituzionale
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud
La Molisana Natale plastica

CAMPOBASSO – Confronto e dialogo interistituzionale allargato a tutte le forze politiche e amministrative della regione.

Il  metodo  scaturito per l’ospedale Caracciolo di Agnone dove ci sono stati degli impegni precisi attraverso un documento tecnico   per una sua ripartenza più adeguata relativamente ad alcuni servizi sanitari integrati ad una sua funzione localista su area disagiata montana e quindi interregionale, si prova a trasferirlo anche per il San Timoteo di Termoli.

Per questo, il gruppo consiliare del M5S termolese ha proposto un primo incontro nella città adriatica. I portavoce M5S in Senato, Fabrizio Ortis, in Consiglio regionale, Andrea Greco e Valerio Fontana, e nei Consigli comunali dell’area, Daniela De Caro, Luciano De Luca, Barbara Saracino e Giuliana Senese, hanno incontrato i sindaci di Termoli, Francesco Roberti, di Guglionesi, Mario Bellotti, e di Petacciato, Roberto Di Pardo. Il dialogo interistituzionale è partito dalle testimonianze raccolte tra gli operatori sanitari del nosocomio rivierasco. Tantissime le criticità segnalate, che del resto abbiamo raccontato in diverse occasioni. Una su tutte: la cronica carenza di personale e mezzi, che portano all’affanno di reparti già fondamentali per assicurare i servizi basilari, assegnati al San Timoteo dall’ultimo Piano Operativo Sanitario (Pos).

Il Pos individuava, infatti, come ricorda il M5s, l’ospedale termolese come presidio di “pronto soccorso” e, in quanto tale, dovrebbe assicurare per una vasta area dei servizi adeguati di medicina d’urgenza, chirurgia, ortopedia, anestesia e 118. Tutti reparti in sofferenza, che faticano a garantire una copertura h24 e che rischiano costantemente il collasso in estate, con l’arrivo dei turisti. Ma sono da affrontare, una volta per tutte, anche i problemi di altri reparti che potrebbero scomparire, come pediatria. A titolo di esempio, oltre ad assistere circa 10 mila bambini sotto i 14 anni, la zona è interessata da un importante flusso turistico di tipo familiare, che va a gravare su un reparto già in affanno. L’emergenza sanitaria ci ha dimostrato, con forza, l’importanza di avere una rete sanitaria, che sia pubblica ed efficiente.

“E una riflessione, seria e senza alcun colore politico, va fatta ora, . conclude il M5S – senza aspettare un’acutizzazione ulteriore dei problemi. Senza attendere lo smantellamento di altri servizi essenziali. Allora, così come fatto per l’ospedale Caracciolo, abbiamo chiesto ai sindaci presenti – ma l’invito è rivolto a chiunque voglia dare un fattivo contributo, lasciando da parte le “bandiere” politiche – di scrivere insieme agli operatori sanitari un piano di rilancio per il San Timoteo. Un piano che, tenendo conto delle reali necessità e possibilità, vada nella direzione di una rete territoriale e ospedaliera efficiente ed efficace. Auspichiamo che quello di sabato sia solo il primo di una serie di incontri che porti ad un piano di riorganizzazione serio, da sottoporre ad un controllo tecnico di fattibilità e, poi, agli altri sindaci della zona, al governo regionale e a quello nazionale”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
colacem
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
esco fiat lux
error: