ECONOMIA – Investimento di 2 milioni e 700 mila euro della famiglia Valerio, rinasce l’ex “ITTIERRE”

Rinasce l’ITTIERRE, un investimento di 2 milioni e 700 mila euro della famiglia Valerio
eventi tenuta santa cristina venafro
Maison Du Café Venafro
pasta La Molisana
DR 5.0 Promozione
Smaltimenti Sud
DR F35 Promozione
ristorante il monsignore venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

ISERNIA – Nel pieno della crisi economica globale dovuta alla recente emergenza epidemiologica, la famiglia Valerio ha deciso di investire nello stabile dell’ex ITTIERRE, riavviando così finalmente la rinomata produzione tessile del territorio.

“Dopo aver indetto due bandi pubblici, la società della famiglia Valerio è risultata quella più valida per l’iniziativa. – afferma il Presidente Di Giacomo – Si tratta di un gruppo solido e serio che, nel giro di pochi anni, siamo sicuri riuscirà a risollevare le sorti dello stabile”.

Lo stabile è stato acquistato per la somma di 2 milioni e 700.000 euro, dei quali 2 milioni sono stati indirizzati all’amministrazione straordinaria e 700.000 euro, più altri 300.000 che saranno ricavati dalla vendita internazionale dei rimanenti capi d’abbigliamento in tutto quindi circa 1 milione di euro, al concordato preventivo. I soldi del concordato preventivo saranno equamente ripartiti fra i creditori privilegiati e, quindi, soprattutto fra gli ex lavoratori. Questi, infatti, che hanno già precedentemente ricevuto circa il 60% del loro credito residuo, riceveranno ora il rimanente 40%. I circa 750 ex lavoratori avranno, inoltre, una posizione privilegiata in quanto saranno assunti come lavoratori nella nuova azienda.

Quale sará, però, il cambiamento che apporterà la famiglia Valerio all’ITTIERRE?

Antonio Valerio ci tiene a precisare che “Non si tratterà di una discarica, anzi. Teniamo al nostro territorio – che è un territorio SIC– e cercheremo di attenerci il più possibile a quello che era lo stabile precedentemente. Ciò che faremo sarà partire da plastiche già precedentemente selezionate – non si tratta quindi in alcun modo di rifiuti – e, tramite la scomposizione dei polimeri, realizzeremo tessuti. Parte dell’azienda sarà, inoltre, riconvertita per la produzione di mascherine e altro materiale sanitario.  Si tratta di processi molto semplici che non avranno in alcun modo un pesante impatto ambientale. In un anno cercheremo di avviare l’attività e, fra tre anni, cercheremo di ampliarla. La fortuna di essere garanti di più progetti sta proprio nel poterli unire e nel farli collaborare.”

“Un risultato importante coraggioso che ci riempie di entusiasmo. – le parole della Dott.ssa Sapio – Possiamo ben sperare nel futuro dei nostri figli grazie alla crescita economica dovuta all’impegno e allo spirito di iniziativa di questa importante ed affidabile famiglia”.

L’obiettivo principale, però, è quello di rilanciare l’economia del territorio. In un periodo di crisi come l’attuale creare posti di lavoro sembra quasi impossibile, quasi un ossimoro ma, grazie agli investimenti dei proprietari locali le aspettative sono molto alte.

Aggiornamenti in corso..

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio
Futuro Molise
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio
colacem
Futuro Molise
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: