SANITA’ – Centro Covid, la decisione del Ministero, Iorio “Uno schiaffo in faccia ai molisani”

stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
vaccino salva vita

CAMPOBASSO – Centro Covid a Campobasso integrato in una rete ospedaliera che comprende l’ospedale Cardarelli e quindi Isernia e Termoli e centro di riabilitazione a Larino al Vietri che dovrebbe occuparsi di riabilitazione post Covid di stati post interventi da cardiochirurgia, ortopedia e altro.

Insomma il primo progetto proposto dal commissario che sembrava quello che avrebbe dovuto realizzarsi al Vietri di Larino almeno per il Momento è stato smontato. Una decisione che se sta in questi termini certamente non rispetta quanto deciso dal Consiglio regionale e su cui l’ex Governatore Iorio commenta:

“Quanto accaduto per il Centro Covid si presta necessariamente a considerazioni sia di ordine politico che tecnico.

Il primo dato che si coglie è il trionfo dei dirigenti e l’assenza della politica.

Il principale responsabile di questa situazione ha il nome di Donato Toma che, con quel suo atteggiamento di presuntuosa testardaggine è andato, come sempre, contro la decisione doppia del Consiglio regionale e contro la richiesta di 120 sindaci. Il risultato ottenuto è stata la ridicolizzazione del Molise a Roma e l’obiettivo prefissato che portasse il ministero a decidere di non decidere.

Anche il ministero, dal canto suo, non è esente da responsabilità clamorose derivanti da un comportamento anticostituzionale. Mi spiego.

Tutti dimenticano che lo Statuto regionale è legge di valenza costituzionale e prevede che la programmazione spetta al Consiglio.

Quanto stabilito dal decreto, e cioè che il ministero valuta progetti approvati con atto regionale,  tiene presente la valenza costituzionale del dettato che la programmazione di una regione spetta al Consiglio regionale. Un dettato costituzionale che viene completamente stravolto e disatteso da Toma e dallo stesso ministero che, nel prevedere un terzo piano Covid per la Regione Molise forse non considera il fatto che questo dovrà essere sottoposto all’attenzione del Consiglio. Altrimenti sarà impugnabile.

In ogni caso il terzo piano, se corrisponde a quanto si apprende dalle testate giornalistiche, rappresenta la soluzione peggiore per il Molise perché coinvolgendo come centro Covid tutti gli ospedali pubblici del Molise decreta un regresso di tutta l’offerta sanitaria pubblica molisana.

Insomma, con un sol colpo, abbiamo ottenuto uno schiaffo in faccia come molisani, una figuraccia per il Molise e un atteggiamento anticostituzionale da parte di un ministero che decide al posto di chi ha il diritto costituzionale di farlo.

Il tutto condito dalla perdita di un’occasione per la nostra regione ad avere un centro interregionale, nonostante Roma avesse già dato la disponibilità a tale scopo.

Le conseguenze per il futuro saranno la distanza tra pazienti e ospedali pubblici, l’aumento della mobilità passiva con conseguente aggravio dei costi per i molisani e l’esistenza di centri misti (Covid e non Covid) ritenuti disastrosi fino a qualche minuto fa per tutte le altre regioni tranne che per il Molise”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: