COMUNE ASSESTAMENTO – Spunta un debito Sea del 1985 di oltre un milione. La D’Alessandro puntualizza

maria domenica d'alessandro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana
Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro

CAMPOBASSO – Un debito antico del 1985 della Sea, (Servizi e ambiente s.p.a),  ancora sospeso e sotto la lente di ingrandimento dell’ultimo giudizio della Cassazione di 1.161.966,61 euro che ora sarà legittimato dal Comune di Campobasso come debito fuori bilancio.

È uno degli elementi emerso oggi, a palazzo San Giorgio, durante la seduta di Consiglio proprio sull’assestamento di bilancio e su si sofferma la consigliera della Lega Maria Domenica D’Alessandro.

“Un ammanco – spiega D’Alessandro – che risale alla gestione degli anni 1985-1986, quando la Seac era comunale. Una questione finita in Tribunale, davanti alla Corte d’Appello che, con sentenza esecutiva ha obbligato il Comune al pagamento del debito, considerato prescritto in primo grado. In pendenza il giudizio della Cassazione. Intanto, sul trasporto urbano, è atteso il nuovo affidamento del servizio a seguito del bando indetto dall’attuale amministrazione. Tuttavia, il comparto, come è emerso pure dalle proteste delle ultime settimane, vive continui disagi. In generale – aggiunge l’esponente comunale – l’intero trasporto, sia su gomme che su rotaie, è messo malissimo. Delle 130 opere infrastrutturali che a brevissimo verranno finanziate in Italia con fondi europei, nessuna risorsa toccherà a Molise, perché nessun progetto è stato presentato per ottenere dei fondi.

La Regione, solo di striscio, potrà essere coinvolta nell’ammodernamento della Termoli-Lesina. Ma niente altro di più se non la già nota elettrificazione della tratta ferroviaria Bojano-Venafro. Infine, un tasto altrettanto dolente, riguarda le 29 imprese che gestiscono il trasporto pubblico molisano. Nessuna ha anticipato un centesimo di cassa integrazione ai circa 500 dipendenti che da marzo risultano essere senza stipendio. Eppure, le medesime aziende hanno ricevuto i contributi pubblici al 100% lavorando, negli ultimi mesi, al minimo. Servono più che mai – conclude D’Alessandro – delle azioni concrete e risolutive per superare, a stretto giro, queste difficili problematiche, ridando respiro all’economia del territorio e garantendo ai cittadini i servizi pubblici”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: