ISERNIA – La Corte dei Conti richiama l’amministrazione, Testa (Lega) “Siamo in presenza di una vera e propria gestione superficiale”

mama caffè bar venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana

CORTE DEI CONTI – Non sono positivi i commenti di Stefano Testa, capogruppo Lega al Comune pentro, in merito ai controlli interni del comune.

Il consigliere ha espresso il suo voto negativo in seguito alla delibera della Corte dei Conti con la quale il suddetto ente ha voluto nuovamente bacchettare il Sindaco d’Apollonio e la sua amministrazione.

“Siamo in presenza di una vera e propria gestione superficiale di atti amministrativi, quasi che gli stessi siano solo un fastidio e non un contributo teso alla migliore e più razionale attività amministrativa. – spiega Stefano Testa – L’intero deliberato delle CdC è frutto delle inadempienze tecnico-amministrative dell’Amministrazione comunale tanto che alla fine la magistratura contabile specifica che la presente deliberazione sia trasmessa alla Procura regionale della Corte dei conti presso la Sezione giurisdizionale per la Regione Molise per i provvedimenti di competenza.”

Testa si interroga su come sia possibile che, rispetto ad un organismo che ha l’obiettivo di indirizzare al meglio le amministrazioni, il comune di Isernia abbia un atteggiamento così inadempiente?

Il consigliere ha un’idea e nell’esporla si scaglia contro il Sindaco: “Ritengo che l’attuale legge sull’elezione dei sindaci che garantisce l’elezione diretta del Sindaco ne determina di fatto anche la sua inamovibilità per l’intero mandato: cioè il Sindaco non può essere cambiato anche se lo stesso dà prove reali di incapacità e/o superficialità nella gestione della cosa pubblica. Si tratta di un paradosso perché il Sindaco in carica, forte di questa clausola, sapendo che un voto di sfiducia significherebbe lo scioglimento del Consiglio Comunale, arriva a sfidare i consiglieri dichiarando se ne avete il coraggio votatemi contro.”

In merito alla distinzione tra consiglieri di maggioranza e di opposizione scrive così: “E’ chiaro che i consiglieri di maggioranza, quantunque insoddisfatti, si compattano ed obtorto collo votano positivamente. Anche per i consiglieri di minoranza il più delle volte il vuoto amministrativo che determinerebbe una gestione commissariale è uno spauracchio che induce ad evitare la caduta dell’amministrazione.”

Conclude affermando: “Per tutte queste considerazioni non c’è da dormire sonni tranquilli se non si riuscirà a far vedere alla nostra città una via di uscita da questo tunnel pieno di tenebre.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: