CASO DON MARINO – Le due parlamentari Testamento e Ascari del M5S interrogano in Ministro Bonafede per eventuali ispezioni giudiziarie

CASO DON MARINO, Testamento, Ascari, M5S, Ministro Bonafede, ispezioni giudiziarie
Maison Du Café Venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana
eventi tenuta santa cristina venafro
ristorante il monsignore venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
Smaltimenti Sud

CAMPOBASSO – La condanna a Don Marino parroco di Portocannone per il caso Giada Vitali arriva alla Camera dei Deputati dove due esponenti di quest’ultima, Rosa Alba Testamento deputata pentastellata del Molise e Stefania Ascari anche lei del M5S osservano e annunciano:

“Manifestiamo approvazione per la notizia della conferma da parte della Corte di Cassazione della condanna in appello a 4 anni e 10 mesi di Don Marino Genova, parroco di Portocannone, per le ripetute violenze sessuali compiute nei confronti di Giada Vitale, ancora minorenne all’epoca dei fatti.

Abbiamo incontrato Giada alcuni mesi fa- puntualizzano le due Parlamentari –  e la sua storia ci ha subito enormemente colpito. Le auguriamo che questa sentenza possa contribuire a restituirle un minimo di serenità e senso di giustizia dopo le terribili sofferenze di questi anni. ”.

“La pronuncia della Cassazione – continuano le due parlamentari – chiude definitivamente uno dei due procedimenti che erano stati aperti a carico di Don Marino e cioè quello degli abusi sessuali compiuti sulla ragazza fino al compimento dei 14 anni. L’altro, quello riguardante le violenze avvenute dopo i 14 anni, è stato archiviato una prima volte dal gip della Procura della Repubblica di Larino nel 2016, in quanto i fatti non sarebbero stati contrassegnati da minaccia o persuasione e il compimento del quattordicesimo anno legittimava il consenso, e poi definitivamente nel 2019, nonostante medici e psicologi abbiano evidenziato come Giada Vitale nel suo rapporto con Don Marino si trovasse in una condizione di forte soggezione e inferiorità psichica e il consenso fosse stato costruito attraverso il «conferimento ingannevole di normalità ai comportamenti sessualizzati».

Proprio in merito a questo secondo procedimento – concludono le due Parlamentari – abbiamo indirizzato un’interrogazione al Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede chiedendogli se intenda valutare l’esistenza dei presupposti per l’avvio di iniziative ispettive presso gli uffici giudiziari coinvolti“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio
colacem
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
panettone artigianele natale di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: