FILIGNANO – La minoranza boccia il bilancio, il sindaco “Stiamo mettendo pezze a colori a buchi che abbiamo ereditato”

mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
La Molisana Natale plastica

FILIGNANO – La minoranza boccia il bilancio di previsione 2020/2022 in quanto ritiene sia un bilancio fatto solo di numeri che aumentano le spese e, nonostante l’aumento delle entrate, non riduce le seguenti tasse ai cittadini: imu, irpef, tari, addizionale comunale.

Il sindaco non tarda a rispondere. “Mettiamo a confronto due fotografie per capire com’era la situazione allora e com’è adesso! – scrive il primo cittadino di Filignano, Federica Cocozza – 28 maggio 2019, giorno del nostro insediamento al comune di Filignano: e cosa troviamo sulla scrivania del sindaco? Un dettagliato elenco di debiti fuori bilancio ammontanti ad € 135.404,00 sottoscritto dal sindaco uscente Coia.”

“Vedere come, in così poco tempo, un’amministrazione, evidentemente poco attenta, abbia potuto formare più di 100.000 euro di debiti mi ha lasciato perplessa. Ma il mio gruppo non si è abbattuto, anzi! Ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo iniziato a pagare questi debiti, sicuramente chiedendo altri sacrifici ai cittadini! Ad oggi i debiti che abbiamo pagato ammontano a quasi euro 80.000,00.” – continua la Cocozza.

La minoranza, poi, ci chiede come mai non abbiamo abbassato le tasse! Semplice: stiamo cercando di mettere “pezze a colori” ai buchi che abbiamo trovato sparsi qua e là nel bilancio che abbiamo ereditato. – arringa il primo cittadino – Ci viene rimproverato un aumento del costo della società a supporto dell’ufficio finanziario e tributi. A questa affermazione rispondiamo che “il risparmio sul servizio finanziario” che la minoranza si vanta di aver effettuato sta costando un prezzo salato ai filignanesi. E nei prossimi mesi costerà ancora più caro!”

“L’obiettivo che ci poniamo è quello di riportare l’Ente ad una situazione di “normalità gestionale” senza più avere debiti fuori bilancio da dover ripianare o ruoli in ritardo da riscuotere. – chiosa il sindaco – Come dice la minoranza? Ragioniamo troppo da dipendenti comunali? Ed io rispondo che non si può guidare un comune “navigando a vista e senza meta”! La priorità deve essere sempre una sana e corretta gestione finanziaria per non finire un’altra volta in una situazione di dissesto finanziario.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

fabrizio siravo assicurazioni
maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale
fabrizio siravo assicurazioni
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
error: