FORESTALI – Il Molise a Roma per rappresentare le sue ataviche criticità

operai forestali
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
mama caffè bar venafro
vaccino salva vita

CAMPOBASSO – Gli operatori idraulico forestali del Molise, nella giornata di martedì 10 novembre, hanno esposto la condizione di eterna precarietà ed incertezza in cui vivono da decenni, nel Tavolo politiche attive presso il Ministero del Lavoro.

L’incontro si è tenuto alla presenza del Ministro Catalfo, della sottosegretaria Puglisi e del Presidente dell’ANPAL. Al Tavolo erano convocati oltre all’USB, anche la Confsal, l’UGL e la Cisal. Abbiamo rappresentato la posizione dell’organizzazione sul tema delle politiche attive, riassumibile in:

• Garanzia degli ammortizzatori sociali e del blocco dei licenziamenti per tutta la durata della crisi;

• Introduzione di un ammortizzatore sociale unico che garantisca tutti i lavoratori a fronte di crisi economiche e fenomeni di ristrutturazione e/o conversione;

• Ripensamento complessivo delle politiche attive alla luce dell’evidente fallimento di questi anni, dimostratesi incapaci di promuovere effettivo lavoro stabile e funzionali solo a favorire precarietà e sgravi contributivi per le imprese. Le politiche attive devono favorire la creazione di lavoro stabile in funzione delle esigenze reali dei territori, a cominciare dai servizi e dalle amministrazioni pubbliche;

• Assorbimento e stabilizzazione delle migliaia di precari creati in questi anni con i fondi delle politiche attive, in particolare i tirocinanti della Calabria, gli sportellisti della Sicilia, gli APU della Campania e i forestali di Molise, Basilicata, Calabria e Sicilia. Questi lavoratori continuano a coprire i clamorosi vuoti di organico delle strutture pubbliche e rappresentano spesso personale effettivamente formato che andrebbe subito trasformato in forza lavoro stabile. L’attivazione del lavoro avrebbe uno sbocco naturale proprio nel riempimento delle piante organiche delle amministrazioni pubbliche, tanto degli enti locali quanto delle sedi periferiche e territoriali degli altri enti pubblici; USB Federazione del Molise – Viale Francesco Petrarca 11, Isernia (IS)- 0865290125- 3518798192 usbisernia1201@pec.it

• Ripensamento del sistema formativo. Basta con i finanziamenti agli enti formativi per attività sostanzialmente inutili. La formazione deve essere finalizzata al lavoro, ma questo non può essere garantito dal mercato, soprattutto in questa fase di crisi. Occorrono progetti pubblici funzionali allo sviluppo e alla manutenzione del territorio e la formazione va pensata in funzione di questi progetti;

• Rafforzamento dei Centri per l’Impiego quali strutture pubbliche di intervento sul mercato del lavoro e contrasto all’equiparazione con le agenzie interinali; La Ministra ha ammesso che la formazione va ripensata in coerenza con opportunità reali di lavoro e che i Centri per l’Impiego vanno rafforzati. Per il resto non ha risposto, limitandosi a chiedere a tutte le organizzazioni contributi scritti e ad informare che il Tavolo sarà riconvocato tra non molto. Cosa voglia fare il Governo non è chiaro. Le altre organizzazioni hanno proposto meccanismi di condizionalità nell’erogazione della cassa integrazione sulla falsariga della dichiarazione di disponibilità al lavoro che già oggi è obbligatoria per percepire la NASPI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: