UNILEVER – Riconversione industriale per il riciclo della plastica sempre più vicina: nessuno perderà soldi e posto di lavoro

unilever assemblea
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mama caffè bar venafro
vaccino salva vita
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana

POZZILLI – Un incontro in videoconferenza quello tra Unilever, Confindustria, Segreterie Nazionali e Regionali dei sindacati di stabilimento per confermare che nessuno perderà né il posto di lavoro né soldi durante la riconversione industriale.

Gianfranco Chimirri, attuale Global Human Resources Director della Unilever Food Solutions, che nonostante sia passato ad occuparsi del settore alimentare, aveva preso l’impegno di trovare una soluzione per Pozzilli, si è pronunciato in merito al futuro dello stabilimento: “Al momento, rimane in piedi una sola opzione percorribile, il progetto di riciclo della plastica, opzione questa che sta ricevendo l’avallo del Ministero dello Sviluppo Economico e di Invitalia che erogherebbe anche un cospicuo contributo economico a fondo perduto”.

Il progetto coinvolge 2 aziende, una italiana ed una internazionale e le tecnologie che verrebbero messe in campo, sono 2:

  • l’implementazione del riciclo meccanico della plastica che consentirebbe l’allocazione di tutte le maestranze di Pozzilli al netto dei prepensionamenti, da ultimare alla conferma del piano
  • l’implementazione del riciclo chimico della plastica per recuperare dal materiale da riciclo nobile, le molecole vergini delle componenti della plastica reimmettendo nel ciclo industriale una nuova disponibilità di materia plastica recuperata senza aggravio di nuovo inquinamento.

Pozzilli, in questo modo, diverrebbe l’HUB principale per la produzione di plastica riciclata per tutte le fabbriche di Unilever Europa.

Le Segreterie Nazionali e Regionali di CGIL-CISL e UIL all’unisono si sono dichiarate positive in relazione al progetto di Economia Circolare, che se confermato in toto anche dal MISE sarebbe uno di quei pochi esempi in Italia in cui si riuscirebbe a trasformare un problema occupazionale in una opportunità di Business per l’ambiente, per i lavoratori e per l’immagine stessa dell’azienda .

In merito alle voce riguardanti imprenditori molisani interessati all’interessamento Chimirra ha risposto, in maniera perentoria e inequivocabile:”Non è vero che c’è stata un’offerta da imprenditori molisani. Posso anche dire che proposte fatte da parte di avventurieri dilettanti non sono state minimante prese in considerazione in quanto totalmente inaffidabili per il proseguo delle attività produttive e per la mancanza dei requisiti posti all’inizio della trattativa”.

“Ad oggi l’invito è a rimanere concentrati, possibilmente nell’unità sindacale in nome dell’interesse supremo delle famiglie del territorio, in quanto, anche se in uno stato avanzato di studio, il progetto per salvare Pozzilli, non è ancora arrivato a compimento ne a completamento. – concludono i rappresentanti sindacali di Filctem CGIL,  Femca CISL e Uiltec UIL -Sperando con queste notizie di aver contribuito a portare un po di chiarezza ai lavoratori e colleghi di Pozzilli, rimaniamo in attesa della convocazione del tavolo al MISE.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: