CRONACA – Scovati 14 furbetti del “Reddito di cittadinanza”, danno erariale di circa 110mila euro

reddito di cittadinanza
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud
La Molisana Natale plastica
Boschi e giardini di Emanuele Grande

CAMPOBASSO – Scoperti ben 14 persone che percepivano indebitamente il reddito di cittadinanza.

Una complessa attività d’indagine condotta in stretta sinergia tra la Polizia di Stato e la Guardia di Finanza di Campobasso ha permesso di deferire alla Procura della Repubblica di Campobasso 14 soggetti che hanno percepito indebitamente il cd. reddito di cittadinanza rilasciando false dichiarazioni in sede di domanda in ordine alla sussistenza dei requisiti richiesti dalla legge per l’ottenimento del beneficio. Inoltre sono state segnalate all’Inps altre 2 persone sottoposte a misura cautelare personale in corso di percezione del beneficio, per la decadenza dall’erogazione del reddito e il recupero di quanto indebitamente percepito nel periodo in cui erano sottoposte al provvedimento restrittivo.

Tra i denunciati figurano 5 persone che hanno omesso di segnalare la presenza all’interno del proprio nucleo familiare di componenti detenuti o sottoposti a misura cautelare personale; altri 6 casi riguardano cittadini stranieri che hanno rilasciato false dichiarazioni in ordine al requisito della residenza decennale in Italia, necessaria per l’ottenimento del beneficio; altri 2 casi concernono soggetti che hanno omesso di indicare alcuni componenti del nucleo familiare titolari di reddito, mentre l’ultimo caso riguarda un uomo già condannato per associazione a delinquere di stampo mafiosa.

Tutti i soggetti denunciati sono stati immediatamente segnalati all’Inps per la decadenza dal beneficio e il recupero delle somme indebitamente percepite. Le irregolarità riscontrate a carico dei 16 cittadini hanno permesso di stimare il danno erariale complessivo arrecato alle casse dello Stato in circa 110mila euro e di scongiurare ulteriori ammanchi per le mensilità che avrebbero incassato senza l’intervento degli operatori.

Le indagini, durate alcuni mesi, sono state condotte dalla Digos e dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Campobasso e hanno riguardato i Comuni di Campobasso e Bojano.

L’attività svolta conferma il fondamentale lavoro svolto dalle forze di polizia a contrasto di coloro i quali, accedendo indebitamente a prestazioni assistenziali erogate dallo Stato, sottraggono importanti risorse economiche destinate a favore di persone e famiglie che si trovano effettivamente in condizioni di bisogno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail

Pubblicità »

caffè, ristorante, centro commerciale, melograni, roccaravindola
Bar Ritrovo Pozzilli punto Lis Gratta e Vinci

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Pubblicità »

Bar Ritrovo Pozzilli punto Lis Gratta e Vinci
caffè, ristorante, centro commerciale, melograni, roccaravindola

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

Esco Fiat Lux Scarabeo
Bar il Centrale Venafro
fabrizio siravo assicurazioni
Agrifer Pozzilli
Edilnuova Pozzilli
error: