MONTAQUILA – Bambini in sicurezza altrimenti scuole chiuse: l’appello di Marciano Ricci

ristorante il monsignore venafro
pasta La Molisana
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
faga gioielli venafro isernia cassino
eventi tenuta santa cristina venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Maison Du Café Venafro
Smaltimenti Sud

MONTAQUILA – Un tavolo di confronto urgente fra tutte le istituzioni interessate: questo l’appello del primo cittadino Marciano Ricci che si dichiara pronto a non riaprire le scuole del paese qualora non pervenisse in tempo un protocollo di sicurezza, contenente misure diverse da quelle “congelate” il 22 dicembre.

Il sindaco di Montaquila, tra i primi a chiudere le scuola a causa della situazione sanitaria, teme che la riapertura degli istituti provocherà un nuovo incremento dei casi di Covid. Ricci, quindi, in assenza di nuove direttive da parte di USR Molise, Asrem e Governo, potrebbe decidere di disporre un provvidimento tanto clamoroso quanto necessario ossia chiudure le scuole obbligando gli scolari del suo paese a seguire le lezioni attraverso la didattica a distanza.

Ricci, pertanto, dopo aver garantito costantantemente la sanificazione di locali e dopo aver provveduto distanziamento e all’acquisto dei banchi mancanti nelle scuole del paese, pretende dalla politica, sia regionale che nazionale, risposte chiare in materia di ingressi e uscite dai plessi scolastici e trasporto pubblico. Tutte decisioni necessarie per garantire la sicurezza e la salute dei bambini.

Stanco di tanti inutili tentennamenti da parte delle Istituzioni, più volte contattate da egli stesso, il sindaco con la sua ironica concretezza ha così chiosato: “Il governo non ha le idee chiare e scarica la colpa sui sindaci che in realtà sono solo degli esecutori di quanto stabilito a livello nazionale. Quali lavori il Governo ha fatto dall’inizio delle scuole? Assolumente niente. Stiamo a dicembre, non sono arrivati né i banchi e né tutte le altre cose che avevano promesso. Devono finirla con le chiacchiere, ci vogliono fatti e accordi tra ministeri, regioni e provveditorati. I politici italiani sono peggio della banda di Pignataro: chi suona prima e chi suona dopo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
faga gioielli venafro isernia cassino
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

venafro farmaciadelcorso glutenfree
colacem
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: