EMERGENZA COVID – Vaccini al Vietri di Larino, il sindaco: “Nessuna risposta dall’Asrem”

Vietri Larino
Smaltimenti Sud
vaccino salva vita
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mama caffè bar venafro

COVID 19 – Il sindaco di Larino Pino Puchetti si dice basito per il silenzio dei vertici Asrem dinanzi alla sua istanza di allestire un punto vaccini nell’ospedale Vietri.

L’ospedale di Larino, protagonista di polemiche e diatribe che hanno coinvolto anche i media nazionali, resta inutilizzato nonostante le grandi potenzialità di cui dispone.

L’ultima richiesta era pervenuta dal primo cittadino di Larino che, in quanto autorità sanitaria locale, aveva proposto di costituire un centro vaccini all’interno della struttura. La proposta, inoltrata a Florenzano, Scafarto ed al Direttore del distretto sanitario di Termoli Giorgetta, non ha ricevuto alcuna risposta ed il sindaco di Larino ora scrive: “ho atteso una risposta dai vertici Asrem, ma l’attesa è stata vana. Nemmeno questa volta la voce che proviene dal territorio è stata minimamente considerata.

Non ricevere risposte da parte di chi, poi, ha anche responsabilità professionali cruciali in tema di pandemia, è l’ennesima dimostrazione di quanto già accaduto in passato: persone presenti in ruoli chiave per le problematiche sovraesposte si negano per non accettare alcun confronto. Tutto questo mi lascia francamente basito”.

Puchetti punta poi il dito sulla situazione del Cardarelli, preferito al Vietri di Larino come hub covid: “Ho appena letto che è stato chiuso ai nuovi ricoveri il reparto di chirurgia dove in questi ultimi giorni si è sviluppato un cluster di contagio che sembra abbia superato le venti unità tra operatori sanitari e degenti.

Mi chiedo come sindaco, ma soprattutto come cittadino del Molise, ma dove dobbiamo arrivare? Cosa dobbiamo aspettarci ancora prima di cambiare rotta e di prendere finalmente una decisione che riporti finalmente tranquillità nella popolazione che ora è confusa, disorientata in merito alle scelte fin qui fatte in tema di gestione della pandemia?

Non avere risposte, nemmeno per un punto vaccini al Vietri, è davvero un attacco alle legittime attese di una città, di un territorio che per vocazione e tradizione ha sempre dato esempi di qualità ed efficienza con la sua struttura sanitaria fiore all’occhiello nel recente passato e solo in secondo luogo una scortesia nei confronti del primo cittadino.

Evidentemente – continua il sindaco –  chi non ha radici in questa terra non può capire, questa è l’unica chiave di lettura da dare. Chi non è cresciuto in questa terra, chi non conosce la sua storia oggi commette due errori: il primo è quello di ignorare il passato, il secondo di continuare a negarsi nei confronti di tutte quelle persone che (adesso possiamo dirlo) a distanza di un anno, vista l’attuale situazione del Cardarelli, hanno avuto ragione”

Appare chiaro che la situazione sanitaria in Molise risente di criticità annose, che hanno radici negli anni e che, in una situazione di emergenza quale quella in cui siamo costretti a vivere, alimentano sempre più polemiche e situazioni di incertezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
colacem
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
esco fiat lux
error: