Maturità, DaD e rientro in classe: al tavolo Ministero-Studenti c’era Dario Di Sisto per il Molise

Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

SCUOLA – Un confronto istituzionale si è svolto ieri, in video conferenza, tra i dirigenti del Ministero dell’Istruzione, i coordinatori regionali di tutte le Consulte Provinciali degli Studenti d’Italia e i rispettivi docenti referenti. Assente per motivi politici la Ministra Lucia Azzolina.

All’incontro ha partecipato anche il Coordinatore CPS Molise, Dario Di Sisto, che, contattato dalla nostra Redazione, ha spiegato dettagliatamente i temi e gli sviluppi dell’incontro.

I ragazzi presenti, in apertura, hanno espressamente richiesto l’inclusione di studenti e studentesse all’interno di tavoli tecnici, regionali e ministeriali. Proprio Di Sisto ha, infatti, notificato come la stessa ministra Azzolina, durante la sua visita a Campobasso, abbia incontrato gli studenti solo per “un caffè, una foto di rito” e non per ascoltare pareri e richieste.

“Noi studenti abbiamo avanzato proposte che portiamo avanti da quest’estate. Chiediamo, quindi, una serie di investimenti maggiori nell’edilizia scolastica e nel trasporto pubblico che sono i due principali problemi per i quali non si riesce a tornare a scuola.  – ha spiegato Di Sisto – Si tratta di problemi di carattere territoriale e spesso anche storici: al sud vediamo molti più problemi di edilizia rispetto al nord. Inoltre, in scuole più piccole non si riesce a stipulare il distanziamento sociale e quindi si mettono in pericolo gli studenti e le studentesse.”

“In merito al trasporto pubblico: le aziende non si preoccupano di fornire abbastanza mezzi, effettuare sanificazioni e garantire il rispetto della soglia massima di posti occupabili. Pertanto gli studenti, ogni mattina, si ritrovano imbottigliati in autobus pericolosi, già noti in passato per questioni di vetustà e mancata qualità specialmente in Molise. – ha aggiunto il coordinatore regionale – Il rischio diventa ancor più alto in quei Poli scolastici caratterizzati da alto tasso di pendolarismo. Non si riesce, quindi, così a creare un diritto all’istruzione che tuteli anche la salute personale di ragazzi e ragazze.”

Rispetto alla didattica a distanza i portavoce regionali hanno esposto come questo mezzo non sia mai stato uno strumento particolarmente efficace, soprattutto perché crea molta disparità tra gli studenti.

L’argomento centrale del tavolo, però, è stato inevitabilmente l’esame di maturità. I coordinatori regionali hanno chiesto di tenere in conto l’eventualità di una “tesina”. Tale metodo, a loro dire, premierebbe “l’attitudine e la voglia  di imparare orientando ogni studente verso un futuro metodo universitario. Gli studenti, poi, convinti della necessità di un esame integralmente orale, in presenza e che valorizzi anche i percorsi di cittadinanza e costituzione, sperano di poter sostenere la prova dinanzi una commissione totalmente interna tranne che per il presidente. Se questa cosa non si dovesse verificare bisognerebbe dare più peso specifico al biennio così da bilanciare quella è che l’ammissione dell’esame con una difficoltà più alta nell’orale nel momento in cui si ci trovasse di fronte anche commissari esterni. Si è parlato, poi, di screening di massa a studenti e docenti per evitare il rischio di contagio maanche dell’eliminazione di buste, immagini sorteggiate e domande casuali.

In chiusura, poi, il tavolo ha fatto presente la possibilità di eliminare sia la soglia obbligatoria delle 90 ore di PCTO sia le invalsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: