SCUOLA – L’altro volto del dissenso: “La protesta si fa in presenza”

Smaltimenti Sud
vaccino salva vita
mama caffè bar venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

CAMPOBASSO – Il Blocco Studentesco espone striscioni contro la crisi della scuola ed invita alla protesta in presenza.

In questi giorni sono state molte le proteste e le iniziative dei giovani studenti in Molise. Le manifestazioni di malcontento hanno riguardato soprattutto il trasporto pubblico, considerato inadeguato in particolare in un contesto di emergenza sanitaria. Gli studenti hanno chiesto a gran voce il ripristino della didattica a distanza, con comunicati e note rivolte alla stampa ed alle istituzioni, rinunciando anche a presentarsi in classe come forma di protesta.

Ma il dissenso ha anche un altro volto, quello dei ragazzi  del Blocco Studentesco che questa mattina, presso l’I.I.S. Pertini di Campobasso, hanno esposto uno striscione, invitando gli studenti ad esprimere il proprio dissenso in classe.

“Alcuni studenti – afferma il Blocco Studentesco Campobasso in una nota – hanno scelto di protestare rispetto ai problemi della scuola e della ripresa delle lezioni in presenza restando a casa e seguendo le lezioni a distanza. Ebbene noi abbiamo un’altra idea di scuola e un’altra idea di protesta. Non aderiamo a scioperi online, la propria voce contro la crisi dell’istruzione va fatta sentire a scuola”

La scuola soffre di problemi endemici che sono solo stati aggravati dalla pandemia in corso – continua la nota – carenze strutturali, servizi che mancano o che sono inefficienti, come il trasporto pubblico, in merito al quale ci siamo espressi più volte, e ora le problematiche della didattica a distanza. La scuola deve tornare ad essere anche aggregazione sociale e comunitaria, non una ‘istituzione virtuale’ cui si può accedere senza nemmeno uscire dal letto. Occorre quindi tornare a seguire le lezioni in presenza, dopo aver passato troppo tempo condannati ad una inattività che danneggia corpo e spirito”.

È facile lamentarsi dal divano, limitandosi a puntare il dito. Noi abbiamo quindi scelto di entrare a scuola per portare dai banchi di scuola il cambiamento, quello vero e fatto col coraggio e le idee che si trasformano in azioni concrete, a fronte del totale fallimento della gestione scolastica di questo governo, tra assurde misure di sicurezza, obblighi, imposizioni, banchi a rotelle costosissimi quanto inutili e trasporti pubblici da terzo mondo. Lanciamo quindi un appello a tutti gli studenti: entrate a scuola e fate sentire la vostra voce!”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
esco fiat lux
error: