Digitalizzazione, Iorio “Da noi la Regione spende il doppio”

digitalizzazione
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
mama caffè bar venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

DIGITALIZZAZIONE – La trasformazione digitale della pubblica amministrazione ha registrato, negli anni, non pochi ritardi. E fare il punto sull’innovazione del territorio oggi significa in primo luogo fare i conti una volta per tutte, sul piano produttivo, organizzativo, ma prima ancora culturale, con la rivoluzione digitale. L’occasione per un’improvvisa accelerazione è stata senza dubbio fornita dall’emergenza Covid-19.

Ma a che punto è la digitalizzazione in Molise? Quanto costa?

Secondo il consigliere regionale Michele Iorio “Il Molise raddoppia i costi della digitalizzazione”.

“La digitalizzazione sappiamo tutti che è quel fenomeno a cui la pubblica amministrazione deve uniformarsi per risparmiare sui costi di gestione. Perché fare tutto via internet è più veloce e costa di meno.

Così possiamo inviare una pec invece di fare la fila alle poste per una raccomandata. Oppure fare la prenotazione di una visita medica stando seduti a casa davanti ad un computer piuttosto che facendo la fila in un ufficio pubblico. Nelle ultime ore, poi, abbiamo visto come si può richiedere alla prenotazione del vaccino anticovid cliccando su un link. In Molise però tutto questo non corrisponde ad un risparmio dei costi per la pubblica amministrazione. – afferma il consigliere regionale Michele Iorio – Da noi la Regione spende il doppio.

Michele-Iorio

Michele Iorio

La domanda che mi sono fatto è stata: se la Regione Molise ha una società di cui è proprietaria, la Molise Dati SpA, creata proprio per l’informatizzazione della Regione, come mai il governo regionale affida lo stesso compito ad aziende private con un esborso di denaro pubblico? Cercando una risposta a questa domanda, io e la collega Aida Romagnuolo, abbiamo deciso di presentare una mozione per far luce su quelle anomalie che sembrano appartenere ad un mondo lontano dai problemi della popolazione e invece hanno ed avranno una ricaduta sulla popolazione anche in termini di gestione economica e di posti di lavoro.

Dovete sapere infatti che la Regione è proprietaria al 100% della società Molise Dati a cui, fino a qualche anno fa, era demandata la gestione informatizzata dell’ente, quindi degli uffici regionali e di quelli del settore sanità. Negli ultimi anni, e soprattutto con l’attuale governo regionale, si è provveduto alla esternalizzazione dei servizi resi dalla Molise Dati. Quindi paghiamo, con i soldi pubblici, la Molise Dati e paghiamo, con i soldi pubblici, società esterne per fare quello che dovrebbe fare la Molise Dati.

Di questa anomalia – dice Iorio – si è accorta anche la Corte dei Conti nel suo giudizio di parifica.

A dicembre scorso, poi, la delibera 542 di fine anno approvata dalla Giunta regionale ha fatto nascere il sospetto che le scelte politiche di questa amministrazione stiano andando in direzione opposta a quanto descritto dal presidente della Regione Molise nel suo programma elettorale che noi abbiamo condiviso. Cioè: agli elettori era stato detto che si sarebbe rafforzata la Molise Dati invece si sta svuotando l’azienda pubblica per ingrassare le tasche di società esterne.

Dimenticando, la Giunta, che non può fare ciò che vuole con le aziende di proprietà della Regione. Perché si possa procedere a svuotare, vendere o svendere (come in questo caso) una società di proprietà della Regione, la Giunta deve portare l’argomento in Consiglio regionale e deve avere la maggioranza per poter procedere. Cosa che non è stata fatta. Intanto, mentre illegittimamente si continua ad affidare funzioni proprie della Molise Dati, sia per la Regione che per la sanità, ad operatori privati esterni  aumentando i costi per le casse della Regione, io e la Romagnuolo chiediamo a Toma di revocare in autotutela la delibera 542 del 31 dicembre 2020 e di assegnare alla società in house Molise Dati SpA i fondi necessari per ammodernare e potenziare il CED (Centro Elaborazione Dati) anche in vista, ed in linea, con le disposizioni nazionali sulla digitalizzazione della pubblica amministrazione. – conclude Iorio – Con la speranza che altre forze politiche, di maggioranza e di opposizione, vogliano unirsi a questa nostra iniziativa”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

ESTRATTO DELL’AVVISO DI VENDITA »

ISERNIA – LOCALITÀ PONTE S. LEONARDO – VIA CAMILLO CARLOMAGNO N.5.

Piena proprietà per l’intero di un locale commerciale di mq. 115 posto al piano terra del Condominio Primavera. Grazie a divisori interni, il locale si compone di due ambienti destinati ad uffici, un ambiente destinato a sala espositiva, un ambiente destinato a wc e un locale adibito a deposito. Prezzo base d’asta: € 100.000,00. IV VENDITA SENZA INCANTO in unico lotto: 7 maggio 2021 ore 19:00. Tribunale di Isernia – G.E. Dott. Vittorio Cobianchi Bellisari. Professionista delegato alla vendita e custode giudiziario Avv. Claudio Petrecca tel. 0865.904513. Rif. R.G.E. 35/2017. Ulteriori informazioni potranno essere attinte presso lo studio del professionista/custode dal Lunedì al Venerdì dalle ore 18:30 alle ore 20:00, nonché sul portale www.portaleaste.com e sul sito del Tribunale www.tribunalediisernia.net.

SEGUICI SU FACEBOOK »

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone artigianele natale di caprio
colacem
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

ESTRATTO DELL’AVVISO DI VENDITA »

ISERNIA – LOCALITÀ PONTE S. LEONARDO – VIA CAMILLO CARLOMAGNO N.5.

Piena proprietà per l’intero di un locale commerciale di mq. 115 posto al piano terra del Condominio Primavera. Grazie a divisori interni, il locale si compone di due ambienti destinati ad uffici, un ambiente destinato a sala espositiva, un ambiente destinato a wc e un locale adibito a deposito. Prezzo base d’asta: € 100.000,00. IV VENDITA SENZA INCANTO in unico lotto: 7 maggio 2021 ore 19:00. Tribunale di Isernia – G.E. Dott. Vittorio Cobianchi Bellisari. Professionista delegato alla vendita e custode giudiziario Avv. Claudio Petrecca tel. 0865.904513. Rif. R.G.E. 35/2017. Ulteriori informazioni potranno essere attinte presso lo studio del professionista/custode dal Lunedì al Venerdì dalle ore 18:30 alle ore 20:00, nonché sul portale www.portaleaste.com e sul sito del Tribunale www.tribunalediisernia.net.

SEGUICI SU FACEBOOK »

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: