ISERNIA – Covid19, un nuovo presidio vaccinale attivato presso l’Auditorium

Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mama caffè bar venafro

ISERNIA –Un nuovo presidio vaccinale è stato inaugurato questa mattina presso l’Auditorium Unità di Italia. Tale attivazione è il risultato di una sinergia tra Comune, Asrem e Arma dei Carabinieri.

Presenti alla cerimonia di presentazione il sindaco di Isernia, Giacomo D’Apollonio, il Direttore Generale dell’ASReM del Molise, Oreste Florenzano, il Comandante Provinciale dei Carabinieri, Gennaro Ventriglia, e il responsabile dell’infermieria presidiaria della Scuola Allievi Carabinieri di Campobasso, Tonino Tarantino. Sarà proprio quest’ultimo a coordinare le operazioni di vaccinazione, per il momento destinate solo al personale delle Forze dell’Ordine – tra 30 giorni, invece, il centro potrebbe diventare permanente e dedicato anche al resto della cittadinanza, ndr.

“Attualmente sono circa 120 vaccini che vengono fatti al Veneziale, – afferma il sindaco d’Apollonio – qui ci sarà una prima fase di rodaggio che riguarda l’Arma dei Carabinieri a livello regionale, in seguito la mia aspettativa è di arrivare a circa 200 vaccini al giorno, cercheremo di raddoppiare qui all’Auditorium il numero del Veneziale”.

“Alle Forze Armate verrà somministrato il vaccino Astrazeneca e – spiega Tarantino –  verranno utilizzate tutte le precauzioni oggettive rimarcate dal SSN. Un medico Asrem si occuperà dell’accettazione con un personale amministrativo. Messi a disposizione dall’Arma un Ufficiale medico e cinque infermieri professionali. Presente anche un’ambulanza messa a disposizione dalla Protezione Civile per eventuali emergenze”.

“Attualmente si stanno eseguendo vaccini per i militari dell’arma dei Carabinieri presenti in Molise anche per consentire di snellire e di migliorare il servizio che successivamente verrà offerto alla cittadinanza. – aggiunge Ventriglia – Mi preme raccomandare ai cittadini che verranno chiamati a vaccinarsi il rispetto della puntualità per evitare assembramenti, per evitare perdite di tempo e consentire quindi un deflusso più regolare e di conseguenza un maggior numero di persone da vaccinare”.

“In Molise siamo i secondi in Italia per la velocità con la quale abbiamo vaccinato le RSA e i quarti per percentuale raggiunta sugli over 80. Vogliamo fare di più e di meglio. La criticità è rappresentata dal numero dei vaccini che ci arrivano, ogni giorno siamo costretti a contare le scorte per poter organizzare le vaccinazioni, in quanto è molto importante conservare le dosi di richiamo, stiamo lavorando veramente allo spasmo. La programmazione dipende dalle scorte vaccinali, tutti vorrebbero essere vaccinati ma il problema sono le dosi vaccinali che ci arrivano, perchè arrivano in proporzione alla popolazione. A questo momento abbiamo raggiunto l’86% delle dosi che ci sono state consegnate, conserviamo la restante parte per i richiami. – chiude Florenzano – Voglio chiarire che la gestione del piano vaccinale è della struttura commissariale, noi siamo uniti ogni giorno in cabina di regia e collaboriamo alla definizione del piano. E’ stato importante realizzare una piattaforma di prenotazioni che ci consente di creare un database di persone da vaccinare. Siamo riusciti ad inserire in piattaforma le fragilità più importanti e continueremo su questa strada”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: