Vaccini anti-Covid, Fanelli e Facciolla “Si controlli chi viene vaccinato, la situazione sta degenerando”

fanelli e facciolla
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
vaccino salva vita
mama caffè bar venafro
pasta La Molisana

POLITICA – I Consiglieri del Partito Democratico Micaela Fanelli e Vittorino Facciola si esprimono in merito alla situazione vaccini della Regione che, affermano, degenera in modo esponenziale.

“Ormai da giorni chiediamo che gli elenchi di chi deve essere vaccinato siano visionati e autorizzati. Oggi torniamo sulla questione dei controlli della campagna vaccinale – lamentano decisi Fanelli e Facciolla – e lo faremo anche nell’Aula del Consiglio regionale con un’apposita interrogazione del Gruppo PD, perché è impensabile che ad oggi non ci sia nessuno che monitori.

È impensabile che mentre over 80, soggetti fragili, caregiver e tante altre categorie a rischio siano ancora in attesa, nessuno compia un controllo su chi viene vaccinato.

Ed è impensabile – continuano – che la nostra piccola regione sia tra le prime in Italia per il maggior numero di personale non sanitario vaccinato: addirittura il 27%. Una cifra altissima, come quella registrata in Campania, mentre, in media invece, le altre regioni si assestano sul 10% circa. Una sproporzione che in Molise vede il numero del personale non sanitario a cui è stato inoculato il vaccino rappresentare un numero maggiore della somma degli ospiti delle Rsa e degli over 80 già vaccinati.

La struttura commissariale in occasione dell’audizione della scorsa settimana in Consiglio ha fatto sapere che non si dispone delle risorse umane e che, comunque, i casi indicati sono stati segnalati agli organi inquirenti. Ma l’abbiamo già detto e lo torniamo a ripetere – Facciolla e Fanelli lamentano a gran voce –  il punto non è sapere se l’Asrem invia una carta in un ufficio che indaga ex post. Il sistema deve funzionare ‘a monte’ per consentire che le priorità siano rispettate e che sia vaccinato chi, in questo momento, ne ha diritto.

Serve che le categorie fragili siano individuate con chiarezza, indicate bene e per tempo e che, soprattutto, qualcuno controlli gli elenchi di chi va vaccinato preventivamente e autorizzi.

L’Asrem lo scorso 20 febbraio in una nota a firma del Direttore Generale, Oreste Florenzano e del Direttore Sanitario, Virginia Scafarto, ha fatto sapere che l’azienda sanitaria non ha alcuna competenza in merito alle priorità definite per singola struttura accreditata, i cui elenchi sono stati trasmessi alla struttura regionale. Dunque, parliamo di elenchi che qualcuno ha visionato? Che qualcuno ha autorizzato?

Il presidente Toma venga in Aula e ci dica come funzionano i controlli in merito alla gestione dei vaccini sia nelle strutture pubbliche che private, soprattutto dopo quanto sta emergendo sulla vicenda I.R.C.C.S. Neuromed.

Ci faccia capire se esiste un elenco “a monte” dei soggetti da vaccinare, se qualcuno eserciti verifiche e secondo quali modalità.
Ci dica chi decide e in che modo il numero di vaccini da destinare alle diverse strutture in base alle richieste. E, soprattutto, ci faccia sapere a che punto è la campagna vaccinale in Molise, in termini di numeri divisi per le diverse categorie da vaccinare individuate da Asrem fino ad oggi?

Chiediamo risposte – concludono i due Consiglieri Regionali –  e chiediamo certezza dei numeri: soprattutto quelli che ad oggi vedono la nostra regione tra quelle che detengono la percentuale più alta del personale non sanitario vaccinato.

Qualcuno ci spieghi perché e faccia finalmente chiarezza su ciò che sta accadendo in Molise!”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
colacem
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
colacem
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: