Cordoglio per le vittime del Covid, bandiere a mezz’asta e un minuto di silenzio a Venafro

Cordoglio, vittime, Covid, bandiere a mezz'asta, un minuto di silenzio, Venafro
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
mama caffè bar venafro
vaccino salva vita
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

VENAFRO – Oggi, 18 marzo, si celebra la prima giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia da coronavirus.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, infatti, ha promulgato questa mattina la legge approvata ieri dal Parlamento che istituisce la “Giornata nazionale in memoria di tutte le vittime dell’epidemia da coronavirus” che verrà celebrata il 18 marzo di ogni anno.

Naturalmente, anche il sindaco di Venafro Alfredo Ricci, indossando la fascia tricolore e raccogliendo l’invito del presidente dell’Anci, Antonio Decaro, questa mattina alle ore 11.00, in concomitanza con l’arrivo del presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, in quel di Bergamo, è sceso, accompagnato dall’Assessora AngelaMaria Tommasone, dal consigliere Fabrizio Tombolini e dal comandante della Polizia Locale, Gianni Giampietri, davanti alla sede del Comune, per osservare un minuto di silenzio al cospetto della bandiera italiana esposta a mezz’asta, per ricordare le migliaia di vittime della pandemia e per onorare il sacrificio degli operatori sanitari.

“Testimoniare il nostro essere uniti, il nostro stare insieme, è un segnale importante di fiducia e di speranza da trasmettere alle nostre comunità ancora fortemente provate da questa triplice emergenza sanitaria, economica e sociale”, ha detto il sindaco Alfredo Ricci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: