PIANA di VENAFRO – Studio epidemiologico fermo al palo, Testamento “Ritardi gravi e imbarazzanti. Risolvere subito gli ostacoli burocratici”

VENAFRO - Studio epidemiologico, Testamento (M5s) rassicura il sindaco Ricci La convenzione con il CNR di Pisa non è mai stata messa in discussione
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

VENAFRO – Studio epidemiologico fermo al palo.

In questo primo anno di attività, facciamo presente, pur nelle difficoltà legate all’emergenza epidemiologica, il Cnr ha messo in piedi tutta l’attività necessaria per avviare lo studio, raccordandosi, con l’intermediazione del Comune, con Asrem e Arpa Molise.
Quindi, «è stata avviata la raccolta dei dati ambientali e anagrafici ed è in corso il raccordo con Asrem per i dati sanitari».

Negli ultimi mesi, però, «il Cnr ha posto alcuni problemi tecnici legati agli obblighi di legge in materia di privacy, che hanno reso necessario un approfondimento tra Comune e Cnr». A seguito di confronto sono state individuate «le modalità conformi a legge per la gestione dei dati, ed è ora in corso l’esame sul punto da parte di Asrem».

Insomma, problemi vecchi e sempre più gravi per la Piana di Venafro, sui quali è intervenuta la parlamentare molisana alla Camera dei Deputati Rosa Alba Alba Testamento del Gruppo Misto – Componente “L’Alternativa C’è” -.

«È molto grave e, francamente, anche imbarazzante – dichiara Rosa Alba Testamento – che a distanza di un anno dall’avvio dello studio epidemiologico sulla popolazione della Piana di Venafro, non siano stati ancora risolti tra Comune e Azienda Sanitaria Regionale gli ostacoli burocratici legati alla privacy che impediscono il trasferimento dei dati sanitari da parte di ASREM.

Stiamo assistendo da mesi a continui rimpalli di responsabilità e tentennamenti tra il Comune di Venafro e l’Azienda Sanitaria molisana, senza che siano ancora state apportate alla convenzione le necessarie modifiche, sollecitate anche dal CNR di Pisa, che consentirebbero la veloce prosecuzione dello studio.

A seguito dei riscontri forniti all’ennesima richiesta di accesso agli atti dell’Associazione “Mamme per la Salute”, auspico che si giunga rapidamente a una soluzione, al fine di sgombrare il campo da domande e dubbi circa eventuali ulteriori motivazioni del ritardo».

È altresì poco opportuno –continua la parlamentare – che per ottenere informazioni relative allo studio i cittadini debba sistematicamente fare ricorso a formali richieste di accesso agli atti, a fronte soprattutto del fatto che lo studio preliminare, dal quale è scaturito questo studio di coorte residenziale, è stato fortemente voluto e autofinanziato dai cittadini.

Su un tema come questo, particolarmente sentito dalle associazioni del territorio, – conclude la Testamento – sarebbe importante garantire più immediati canali di comunicazione e regolari scambi di informazioni, nell’interesse esclusivo dei cittadini e della loro salute».

In attesa di conoscere l’esito dello studio epidemiologico deve essere, a questo punto, priorità della politica produrre azioni concrete, efficaci e validate scientificamente, volte alla tutela della salute pubblica che in questo territorio è messa a gravissimo rischio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

compra su amazon »

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

compra su amazon »

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: