REGIONE – “Esordio” in Regione delle due commissarie Degrassi e Tomasella. Fredda l’accoglienza

Flori Degrassi
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud

CAMPOBASSO – Flori Degrassi e Annamaria Tomasella le due commissarie ad acta per la sanità molisana: oggi a palazzo Vitale il loro esordio.

Sonno arrivate in Molise per sostituire Angelo Giustini e Ida Grossi, il primo dimessosi perché indagato dalla Procura di Campobasso per i reati di omissione e abuso d’ufficio, la seconda a seguire ha abbandonato di sua volontà l’incarico di sub commissario. Le nuove plenipotenziarie della sanità regionale, tanto perché avranno spazi luoghi competenze e obblighi assegnati  maggiori dei primi, sono entrate alla spicciolata, per intendere, sebbene due, l’una a distanza di tempo dall’altra. Con una accoglienza certamente non “trionfale” certamente senza convenevoli, certamente con un retorico benvenuto di prassi come si fa per qualunque nuovo ospite nella casa regionale.

Un arrivo che qualche mese fa Toma non si sarebbe aspettato dopo le pressioni che aveva operato  sul centrodestra nazionale e sul governo Conte che in persona gli avrebbe garantito tutto il suo interessamento per riportare la situazione  Molise ad un perfetto equilibrio tra commissariamento e presidenza della Regione, cosa che non sarebbe avvenuta e tanto per il Governatore anche e soprattutto per le forti solleciatazioni del gruppo dei Cinque stelle locali sui Ministeri della salute e delle Finanze ma anche, aggiungiamo, per le decine di veti per un tale incarico partiti dal Molise, da Associazioni ai sindaci ai sindacati etc. E tutto questo ha voluto aggiungere il presidente della Regione è costato ai molisani circa un milione di euro e graverà per il futuro con i compensi ai nuovi nominati.

Giunte nel palazzo pertanto la Degrassi e la Tomasella a quanto pare si sono messe subito a lavorare per prendere coscienza e conoscenza, nell’ufficio della direzione regionale della sanità, sul prossimo cammino della riorganizzazione soprattutto finanziaria in Molise commissariato ormai da 12 anni e in Piano di rientro da 14 anni e un deficit che in un anno si è gonfiato ulteriormente di un centinaio di milioni di euro. Un compito non facile per le due donne commissarie soprattutto se continua quel conflitto di competenze con l’ente Regione sempre in qualche maniera discusso e contestato in precedenza frutto anche di una frustrazione istituzionale derivata da un potere decisionale che da qui in avanti aumenterà ancora di più in capo ovviamente ai Commissari.

 il direttore                                 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail
NOTIFICA PER PUBBLICI PROCLAMI in ottemperanza alle ordinanze del TAR Molise nn. 162/2020 e 88/2021, rese nel giudizio N.R.G. 186/2020

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

SEGUICI SU FACEBOOK »

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

NOTIFICA PER PUBBLICI PROCLAMI in ottemperanza alle ordinanze del TAR Molise nn. 162/2020 e 88/2021, rese nel giudizio N.R.G. 186/2020

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

SEGUICI SU FACEBOOK »

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: