REGIONE – Facciolla (Pd) “No all’eolico tra Portocannone e Campomarino”

impianto eolico
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud

CAMPOBASSO – Nella giornata della Salvaguardia e della Tutela della Terra, il segretario regionale del Pd  Vittorino Facciolla lancia il suo messaggio sottolineando per il Molise il chiaro e netto no all’impianto di eolico tra Portocannone e Campomnarino.

“Ognuno di noi ha il dovere morale di difendere il proprio Ambiente ma, chi è nella posizione di fare le scelte che ricadono sulle nostre vita, come nel caso di chi ci governa, ha il dovere non solo morale ma quello concreto scegliere e di porre in essere azioni che difendano il territorio.

Quando l’amministrazione regionale della quale ho fatto pare come assessore all’Agricoltura e all’Ambiente si insediò, ricordo che non esisteva nessun Piano approvato. In quegli anni lavorammo alacremente e al termine del nostro mandato avevamo redatto e approvato Piani di Tutela per l’Acqua, l’Aria, Nitrati, Forestale, Energia, Rifiuti.

L’attuale Governo regionale non solo non li ha portati avanti ma li ha trascurati lasciando che i Piani precedenti scadessero senza essere rinnovati; e c’è di più, non ha neanche approvato il regolamento che è a valle dell’approvazione del Piano energetico regionale.

Il 31 maggio in Conferenza di Servizi si discuterà del Parco Eolico che potrebbe sorgere tra Campomarino e Portocannone.

Tutti sanno che io sono estremamente favorevole alle energie rinnovabili, la transizione ecologica ritengo sia fondamentale, ma questo deve avvenire solo in un contesto di leggi fortemente connesse alla programmazione.

L’assenza di pianificazione significa infatti solo deturpazione del territorio. Quando un territorio, come il nostro e, nello specifico, quello tra Campomarino e Portocannone ha già una chiara vocazione produttiva e turistica, con produzioni di elevata qualità, è impensabile installare l’eolico.

Ecco perché ognuno di noi deve avere un ruolo attivo nella salvaguardia del Creato ma i governanti hanno anche la responsabilità politica di fare scelte che vadano nella stessa direzione.

Credo quindi che la Regione a questo punto non debba fare altro che BOCCIARE quel progetto, così come facemmo noi quando ci venne proposto un progetto identico a questo per il medesimo insediamento di un parco eolico e
l’amministrazione della quale facevo parte come assessore lo bocciò perché non rispettava il paesaggio, la storia e l’identità del nostro territorio.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail
NOTIFICA PER PUBBLICI PROCLAMI in ottemperanza alle ordinanze del TAR Molise nn. 162/2020 e 88/2021, rese nel giudizio N.R.G. 186/2020

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

SEGUICI SU FACEBOOK »

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

NOTIFICA PER PUBBLICI PROCLAMI in ottemperanza alle ordinanze del TAR Molise nn. 162/2020 e 88/2021, rese nel giudizio N.R.G. 186/2020

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

SEGUICI SU FACEBOOK »

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: