COVID 19 – Si è concluso il “Vaccine day”, 4800 dosi in due giorni

pasta La Molisana
Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

LOTTA AL COVID – Sono state 4800 le dosi di vaccino somministrate nel fine settimana, come previsto dalla cabina di regia.

Si è chiuso senza intoppi e a ritmo spedito il “Vaccine Day”, con file ordinate, tanti medici e volontari al lavoro e con un’alta partecipazione della popolazione.

In totale sono state 4800 le  dosi di vaccino Pfizer somministrate in soli due giorni, così come era stato previsto dalla cabina di regia. L’idea di un week end dedicato ai vaccini è nata a seguito del successo del primo “Vaccine Day”, tenutosi l’8 giugno a Campobasso, Isernia e Termoli, durante il quale erano state somministrate 2.000 dosi di vaccino Johnson&Johnson.

In questo fine settimana, quindi, è stata riproposta una formula analoga: due giornate dedicate a chi non aveva ancora ricevuto la prima dose e riservate ai residenti di 14 paesi che hanno dovuto aderire alla piattaforma entro venerdì 11 giugno.

Gli aderenti in piattaforma di Bojano, Campochiaro, Colle D’Anchise, San Massimo, Spinete e San Polo Matese si sono recati presso i centri vaccinali predisposti a Bojano presso il poliambulatorio, il Palazzo Colagrosso e la struttura mobile della Protezione Civile. In totale in queste sedi sono stati effettuati 2800 vaccini, 1400 sabato e 1400 domenica.

Il Palazzetto dello Sport Palairino di Termoli, invece, è stato riservato esclusivamente ai cittadini di Campomarino, per un totale di 1000 dosi somministrate, 500 nella giornata di sabato e 500 oggi.

Infine, presso l’Istituto scolastico Dante Alighieri di Cerro a Volturno sono stati vaccinati gli aderenti alla piattaforma di Castel San Vincenzo, Montaquila, Fornelli, Colli al Volturno, Scapoli, Rocchetta, Cerro al Volturno e Pizzone. Anche in questo centro sono state somministrate 1000 dosi.

In questi due giorni sono rimasti chiusi i centri vaccinali di Campobasso, Venafro e Isernia, che riapriranno regolarmente domani mentre fino a mercoledì 16 giugno sono rinviate tutte le somministrazioni delle seconde dosi di Astrazeneca, a seguito del parere del Comitato Tecnico Scientifico. Un nuovo SMS comunicherà agli interessati la data del nuovo appuntamento.

L’intenzione è stata quella di estendere la campagna vaccinale anche ai paesi meno popolosi e più isolati, al fine di dare un’accelerazione consistente alla lotta al virus in una Regione in cui il numero di vaccini effettuati è tra i più alti d’Italia, in rapporto alla popolazione. Nello specifico, in Molise è già stato vaccinato con la prima dose il 75,31% della popolazione, per un numero di dosi somministrate pari a 227.640. Di queste, 159.675 sono vaccini Pfizer Biontech, 43.169 Astrazeneca, 19.755 Moderna e 5.040 Johnson&Johnson. La seconda dose, invece, è stata somministrata al 21,31% della popolazione molisana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: