VENAFRO – Un incrocio micidiale nell’abitato, ennesimo grave episodio. Occorrono correttivi per fermare la scia di sangue in corso da anni

VENAFRO, incrocio micidiale, abitato, sangue
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
mama caffè bar venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

VENAFRO – Ancora, purtroppo, altro tragico incidente stradale al micidiale incrocio tra la trafficatissima via Colonia Giulia e le arterie urbane venafrane di via Falca e via Pedemontana, incrocio situato nel centro abitato a due passi dal SS Rosario e come tale quotidianamente attraversato da tantissimi mezzi su gomma e da numerosi pedoni.

Ieri l’altro l’ennesimo grave accadimento, con un pensionato venafrano che viaggiava sul proprio mezzo a due ruote e che si è scontrato con un’autovettura di passaggio. L’uomo è rovinato a terra ed è stato costretto a ricorrere alle cure medico/chirurgiche.

Ricordiamo che a Venafro il vicino SS Rosario da tempo è stato privato di medici, sale chirurgiche e servizi collegati, per cui non espleta più le prestazioni solite dal che la necessità di tasportare il ferito al “Veneziale” di Isernia e poi trasferito al Neuromed. Presso l’Istituto di Ricerca e Cura di Pozzilli l’uomo é stato sottoposto a delicato intervento chirurgico protrattosi a lungo ed ancora all’indomani le sue condizioni di salute permanevano delicate.

Tornando al micidiale incrocio del sinistro, da ricordare i tanti incidenti avvenuti in loco nel corso del tempo ed alcuni dei quali purtroppo mortali: innanzitutto l’investimento da parte di un tir di un’utilitaria con a bordo mamma e figli che non riuscirono a sopravvivere, quindi il mortale sinistro di cui rimase vittima il prof. Amerigo Iannacone di Ceppagna e i tant’altri incidenti per fortuna risoltosi solo con danni ai mezzi coinvolti. Da tutto questo e alla luce dell’intenso traffico quotidiano sia interregionale che locale che attraversa il sito in questione, scaturisce evidente la necessità di segnalare più opportunamente e con sistemi diversi l’incrocio, rallentando la marcia di vetture, tir e moto che l’attraversano. Tale urgenza essenzialmente per tutelare l’incolumità fisica dei pedoni ma anche di quanti viaggiano su gomma.

Intanto si spera che il pensionato venafrano alla guida del proprio scooter, coinvolto nell’ultimo grave incidente, possa farcela.

                                                                                                                            Tonino Atella

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

SEGUICI SU FACEBOOK »

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

SEGUICI SU FACEBOOK »

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: