Incendio pineta Campomarino, il Sindaco Silvestri “Abbiamo le mani legate, nella Pineta c’è il divieto di calpestio”

incendio pineta campomarino
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana

CAMPOMARINO – Il terribile incendio che ha devastato la pineta e il litorale di Campomarino ha cagionato danni economici enormi, con ripercussioni sull’economia e sulle attività del territorio.

Non solo, i danni più grandi determinati dai roghi riguardano il patrimonio ambientale e naturalistico di un tratto di costa caratterizzato da una splendida pineta, da dune e da una distesa di macchia mediterranea che ospita specie protette.

Ora che la situazione di emergenza è cessata, il sindaco di Campomarino Pier Donato Silvestri ha rilasciato un comunicato nel quale si legge: “Le ultime ore hanno segnato irrimediabilmente il nostro territorio e segneranno a lungo le nostre anime e le nostre menti. Di fronte alle scene che abbiamo vissuto ieri e allo scenario che si è presentato questa mattina dinanzi ai nostri occhi, è necessario abbandonare qualsiasi tipo di divisione e condividere insieme, con forza, un sentimento di coesione e di rinascita.

Tragedie come queste esistono per far comprendere all’uomo i propri limiti, ma allo stesso tempo lasciano emergere la forza e la voglia di preservare la bellezza che ci circonda.  A tal proposito, considero esemplare e lodevole l’esempio che ci è stato regalato dalle Forze dell’Ordine, dai Vigili del Fuoco, dai tanti volontari e dai cittadini che senza sosta hanno lavorato per domare le fiamme e per coordinare le operazioni durante l’incendio e a supporto dei tanti turisti sfollati.

A nome di tutta la cittadinanza ringrazio queste persone per il grande lavoro svolto. Al tempo stesso estendo la mia gratitudine al Presidente della Giunta  regionale Donato Toma, con il quale sono stato a stretto contatto sin dall’inizio dell’emergenza e fino a notte fonda. La sua presenza ed il suo supporto sono stati costanti, come costante è stato il supporto di tutta l’unità di crisi e della Protezione Civile regionale.

Un ringraziamento è rivolto all’architetto Manuel Brasiello, il cui lavoro è stato determinante in un momento difficile e complicato, e ai consiglieri regionali di maggioranza e di minoranza per il sostegno e la vicinanza dimostrata nei confronti della nostra comunità.

Infine, non posso far mancare la mia gratitudine al Sindaco di Termoli Francesco Roberti che ha messo a disposizione il personale del Comune e un grande impegno nel soccorrere i turisti evacuati via mare verso Termoli.

Le difficoltà che siamo costretti ad affrontare devono spingerci ad amare ancor di più e in modo incondizionato il nostro territorio, nella consapevolezza che non è possibile tornare indietro e ricominciare da capo, ma è necessario andare avanti e lavorare al meglio per tornare più forti di prima”.

In mattinata il sindaco Silvestri ha dichiarato “che i danni subiti devono essere quantificati anche perché la Regione ha intenzione di chiedere lo stato di calamità. I focolai erano tanti e sicuramente la mano dell’uomo ha fatto il suo. La pineta insiste sul territorio di Campomarino ma c’è il demanio che non è comunale e addirittura c’è il divieto di calpestio il che vuol dire che anche il sindaco di Campomarino non può entrare nella pineta, quindi siamo con le mani legate per tutto il discorso della manutenzione che se fatta dagli organi competenti, non comunali, avrebbe evitato ciò che è successo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

SEGUICI SU FACEBOOK »

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

SEGUICI SU FACEBOOK »

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: