EVENTO – Presentata la 21° edizione del Macchia Blues Festival

mama caffè bar venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
vaccino salva vita
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana

MACCHIA D’ISERNIA – Lo storico festival di musica blues è stato presentato questa mattina alla presenza del sindaco e degli organizzatori.

Torna l’appuntamento con il Macchia Blues Festival, storica manifestazione culturale e musicale organizzata e promossa dall’associazione culturale “La Fenice” di Macchia d’Isernia, che durante l’estate anima il Comune di Macchia d’Isernia. E’ stata presentata questa mattina la XXI edizione della storica rassegna blues, considerata tra le più importanti in Italia.

Un evento d’eccezione, che negli anni si è imposto nel panorama culturale e musicale nazionale coinvolgendo artisti internazionali di grande livello. La XXI edizione si propone di ripartire, dopo la sosta dello scorso anno, nel solco delle edizioni precedenti e nell’ormai inconfondibile stile che coniuga la presenza di artisti nazionali e internazionali, senza tralasciare la promozione di nuovi talenti e realtà musicali locali.

Presente alla conferenza stampa di presentazione il sindaco di Macchia d’Isernia Giovanni Martino che si è detto entusiasta per la ripartenza degli eventi, pur sempre con un’attenzione al rispetto delle normative: “Quest’anno ci siamo organizzati per dare vita soprattutto ad attività di tipo culturale. Ovviamente tutto viene svolto nella massima sicurezza e nel rispetto delle regole e della normativa vigente, per evitare problematiche alla comunità che ci aspettiamo che parteciperà in modo massiccio”.

Il Macchia Blues Festival costituisce anche un’occasione per incentivare il turismo, come spiegato dal sindaco: “Ci aspettiamo un’affluenza importante, sempre in relazione alle possibilità che ci vengono date dalle normative in quanto i posti sono tutti preassegnati e non è possibile organizzare eventi di massa come accaduto negli anni scorsi. In paese sono arrivati diversi turisti, oltre agli emigrati originari del posto. Qui a Macchia d’isernia, tra l’altro, c’è una percentuale molto alta di vaccinati e siamo “Covid Free” da diversi mesi. La situazione è sotto controllo, speriamo che continui così”.

Michele Mariani, assessore comunale: “Quest’anno siamo alla ventunesima edizione del Macchia Blues Festival, l’anno scorso abbiamo deciso di fermarci a causa del Covid  ma quest’anno abbiamo deciso invece di rimetterci in gioco e ripartire. Abbiamo scelto di organizzare la festa, così come da tradizione, nella piazza del paese e questo ha ovviamente aumentato le difficoltà in quanto ci sono una serie di regole da rispettare, sia per quanto riguarda le responsabilità dell’associazione, sia per quanto riguarda la responsabilità dell’amministrazione comunale. Per questo motivo questo sarà un Festival necessariamente diverso rispetto alle precedenti edizioni, con posti a sedere e prenotazioni obbligatorie. Di conseguenza anche la musica sarà adattata  a questo questo tipo di Festival”.

A tal proposito, l’assessore Mariani ha spiegato le modalità con le quali è possibile prenotarsi e partecipare alla manifestazione: “E’ necessario cercare il nostro Festival sulla piattaforma ‘Eventbrite’ e qui scegliere la data per prenotare il posto a sedere. E’ una procedura obbligatoria che ci permette di rispettare  le normative sul ‘Green Pass’ e sull’affluenza di pubblico”.

Come illustrato da Marinai, il programma del Macchia Blues Festival si sviluppa in due giorni. Ad aprire la rassegna musicale sarà il gruppo “Boogie Machine” di Caserta che venerdì 20 agosto farà da apertura per la  “Nick Becattini Band”, gruppo guidato dall’artista blues di Pistoia Nick Baccatini, noto per aver partecipato al Pistoia Blues per diversi anni e che, come anche i “Boogie Machine”, è protagonista di un ritorno al Macchia Blues avendo già partecipato in precedenza al Festival molisano.

Sabato 21 agosto sarà la volta di “Pasquale Aprile & Band”, noto sassofonista napoletano a cui seguirà l’esibizione del “Greg Izor Quintet”, gruppo guidato da un armonicista emergente che viene dal Texas e che costituisce quella che l’assessore Mariani ha definito “La punta di diamante del Festival”.

A differenza degli anni passati, non ci saranno grandi eventi collaterale collegati al Macchia Blues Festival, anche a causa delle difficoltà nell’organizzazione causate dalle notevoli prescrizioni e limitazioni dovute alle normative anti Covid, ma l’offerta del Festival è comunque di alto livello e sicuramente rappresenta un importante esempio di ripartenza dopo la sosta forzata dello scorso anno.

Giovanni Ricci, direttore artistico del Macchia Blues evidenzia che non è cambiato lo stile del Festival in quanto anche quest’anno: “Ci saranno due gruppi per entrambe le serate, quindi si alterneranno artisti italiani ed artisti internazionali”.

L’organizzazione è a disposizione anche per assistenza nelle prenotazioni, come specificato da Ricci: “Accedendo alle nostra la nostra App, al nostro sito o alla nostra pagina Facebook, ci sono i link che rimandano all’applicazione dove possibile prenotare e inviare tutti i dati. E’ possibile anche inviare in anticipo il “Green Pass”, così da ottimizzare i tempi.  Per qualsiasi informazione o aiuto nell’utilizzo della piattaforma, ci sono i nostri numeri di telefono attraverso i quali siamo a disposizione per dare una mano”.

M.A.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: