Shopper personalizzate, un must per promuovere il marchio

Sacchetti, Shopper, Gadget48
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana

Shopper personalizzate, il must have per promuovere il tuo brand

Sei curioso di scoprire perchè tutte le aziende, che si tratti di grandi imprese, di negozi o associazioni no-profit dovrebbero creare la loro shopper personalizzata? Scoprilo con noi!

Farsi notare oggigiorno potrebbe non essere così semplice. Tanti stimoli, opportunità infinite e tanti competitors agguerriti cercano di accaparrarsi un pubblico sempre più vasto. Ovviamente non è così facile avere la visibilità che tutti cercano e sicuramente non si ottiene per caso.

Occorre trovare la metodologia più indicata per riuscire ad essere presenti in un mercato che di possibilità ne offre davvero tantissime ma che in cui è oltremodo difficile emergere.

I gadget personalizzati risultano essere un valido strumento per ottenere quella presenza che tutti desiderano. Sì, perchè i gadget promozionali hanno il grande vantaggio di essere considerati come la forma pubblicitaria meno invadente che ci sia in cui si instaura con il cliente una sorta di patto reciproco, un do ut des inconsapevole che porta le persone che ricevono un regalo a contraccambiare il gesto.

Un accessorio che da sempre è tra i più utilizzati, sono le shopper personalizzate: utili, belle, economiche e riutilizzabili.

Grazie alla loro ampia superficie di stampa sono dei veri e propri “cartelli pubblicitari ambulanti” che vengono utilizzati in molti contesti e per molto tempo. Se studiate con una grafica accattivante poi, il cliente non se ne vorrà separare diventando un vero e proprio ambassador a costo zero. Potrai infatti veicolare i tuoi valori e trasmettere il tuo messaggio giocando con colori e materiali.

Si caratterizzano come un gadget green che strizza l’occhio alla sostenibilità ambientale permettendo di essere riutilizzate all’occorrenza.

Ci sono diversi materiali, colori, forme e design tra i quali potrai scegliere e anche questi aspetti non vanno presi sotto gamba.

Il materiale ad esempio uno degli aspetti più importanti. Principalmente si dividono in due categorie: il Canvas e il TNT.

Il Canvas non è altro che la tela: possono esserci quindi shopper in cotone, in juta, in canapa o in lino. Sicuramente questi materiali si caratterizzano per morbidezza e flessibilità di un materiale naturale che ricorda un prodotto artigianale.

Il TNT, acronimo di tessuto non tessuto, è un materiale che sta ad indicare una lavorazione senza il procedimento della tessitura. Queste shopper sono utilizzate soprattutto per la spesa al supermercato in quanto molto resistenti e con un costo ancora inferiore su grandi tirature.

Shopper personalizzate: economiche, green e universali

Le borse in generale sono perfette per veicolare il proprio brand, ma le shopper personalizzate lo sono in particolare modo grazie al grande uso che tutti noi ne facciamo.

Sono indispensabili per andare a fare la spesa, per trasportare comodamente oggetti o addirittura può essere la borsetta in cui tutti riponiamo portafoglio, smartphone ecc.. e può essere utilizzata indistintamente da qualsiasi target. La shopper infatti non è ad appannaggio solamente delle donne, viene utilizzata tranquillamente da uomini e ragazzi.

I vantaggi delle shopping bag personalizzate in una strategia di marketing quindi, sono davvero tanti, e permettono di avere un ritorno di immagine molto ampio con un un budget basso.

Anche per questo tipo di gadget aziendali è fondamentale la qualità sia del prodotto sia della stampa, ecco perchè dobbiamo affidarci a specialisti del settore che possano consigliarci il giusto articolo con il budget richiesto!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: