EVENTO – Il ritorno del Papa Santo, la città ha riabbracciato “Pietro da Isernia”

pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud
vaccino salva vita

ISERNIA – Si è svolta la seconda edizione della rievocazione storica della visita che papa Celestino V fece alla sua città nativa il 14 e 15 ottobre 1294.

Nel pomeriggio di ieri, giovedì 14 ottobre, in piazza Andrea d’Isernia, gli isernini hanno potuto assistere alla seconda edizione della spettacolare manifestazione “Il Ritorno del Papa Santo”, ossia la rievocazione storica del passaggio a Isernia di Celestino V nel 1294. Lo scorso anno la manifestazione non si è potuta tenere a causa della pandemia, ma quest’anno l’amministrazione comunale ha voluto riproporre l’evento che così tanto successo ebbe nel 2019.

Gli spettatori hanno potuto vedere da vicino: Celestino V, Carlo II d’Angiò, Andrea d’Isernia, Carlo Martello, il Governatore regio, e tanti altri personaggi che furono i protagonisti della visita del Papa isernino, nella sua città, nell’ottobre 1294. In quella occasione, San Pietro Celestino donò alla nostra chiesa Cattedrale due croci di inestimabile valore, che ancora oggi sono conservate nel duomo cittadino.

Il XIII secolo è stato forse il più importante nella storia di Isernia. Basterà ricordare come nel duecento la città diede i natali a Pietro Angelerio, ossia papa Celestino V, e ad Andrea d’Isernia, il grande giurista del feudalesimo medievale.

Il sindaco uscente Giacomo d’Apollonio ha voluto ringraziare tutte le persone che si sono “messe in giocoper dare vita alla rappresentazione:

“La città di Isernia ha assistito alla seconda edizione di un evento memorabile e, con entusiasmo e orgoglio identitario, si è riappropriata d’un episodio storico che, nell’ottobre 1294, ebbe quale protagonista il suo più illustre concittadino: Celestino V.

Il Ritorno del Papa Santo, una iniziativa a cui l’amministrazione comunale ha fermamente creduto perseguendo con impegno e ostinazione l’obiettivo d’una realizzazione che fosse scevra dalla semplice finalità turistica ma assumesse soprattutto una profonda valenza culturale ed i cittadini ne hanno compreso e condiviso gli autentici significati umani, religiosi e storiografici, ritrovandosi collettivamente in piazza Andrea d’Isernia per ammirare e acclamare, in forma rievocativa, i grandi personaggi del prestigioso medioevo isernino.

Quale Sindaco, desidero esprimere la mia profonda soddisfazione e ringraziare pubblicamente coloro che – in fase ideativa, progettuale e realizzativa – hanno consentito di poter mettere in campo questa seconda edizione, dopo essere stati costretti a cancellare quella del trascorso anno a causa della nota emergenza sanitaria pandemica. In particolare desidero citare e ringraziare: Emilia Vitullo per la direzione artistica e la regia con tutti i suoi collaboratori; il presidente della Pro Loco Michele Freda e don Girolamo Dello Iacono per l’organizzazione; la Società di studi celestiniani, il vescovo di Trivento S.E. Claudio Palumbo e il direttore emerito della nostra biblioteca Fernando Cefalogli per la consulenza storica; Teresa Carafa per i costumi; Claudio Di Cerbo per la riscoperta dei percorsi celestiniani, Luigi Vitullo per la colonna sonora.

La mia sentita gratitudine va, altresì, al vescovo della Diocesi di Isernia-Venafro S.E. Camillo Cibotti e all’assessore regionale alla cultura Vincenzo Cotugno. Ringrazio ancora il Rotary Club e Italia Nostra, il Rotaract e l’Inner Wheel, le organizzazioni ippiche Samarcanda e Il Ginepro, gli sponsor e tutti coloro che hanno sostenuto l’iniziativa. E non intendo dimenticare gli organi d’informazione che hanno dimostrato anche questa volta grande attenzione per questo evento culturale.

Infine, rinnovo, doverosamente, un grazie di cuore a tutti coloro che si sono “messi in gioco” per dare vita alla rappresentazione, vale a dire quegli Isernini e quelle Isernine che hanno accettato di vestire i panni dei personaggi e dei figuranti del Ritorno del Papa Santo. Sono stati così numerosi che è impossibile menzionarli tutti, ma a ognuno di loro, indistintamente, giunga il mio sincero sentimento di riconoscenza”.

C.C.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: