REGIONE – Toma pronto a ricandidarsi, il Molise però si interroga e prova a cercare nuove soluzioni

stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mama caffè bar venafro
pasta La Molisana
vaccino salva vita
Smaltimenti Sud

CAMPOBASSO Senza riserve, il Governatore si fa avanti e in un’intervista a Telemolise pone la sua ricandidatura al secondo mandato per la conduzione della Giunta regionale del Molise.

“Sono pronto per la coalizione e sono pronto a ricandidarmi per la secondo volta,  lo stato di salute del centrodestra è come una normale persona che ha bisogno di un chek up, di analisi e dei valori da aggiustare, il mio auspicio e l’ho chiesto anche alla mia maggioranza è quello di avere un incontro la prossima settimana  sia con la mia maggioranza consiliare che con i partiti del centrodestra per programmare le prossime azioni politiche in questa regione. Il centrodestra mi ha candidato nelle scorse elezioni ha vinto con un ottimo margine nonostante il Movimento Cinque stelle avesse fatto cappotto in Molise un mese prima, questo significa che se il centrodestra mette da parte i personalismi ed è unito il centrodestra vince. Io sono a disposizione del centrodestra se raggiunge l’unità e se mi ritengono per questa causa”.

Insomma Toma cerca il bis. Almeno ci vorrebbe provare. I problemi politici comunque all’interno della sua maggioranza sono enormi. Partiti divisi e sfilacciati i rapporti tra Forza Italia Fratelli d’Italia e la stessa Lega sono a dir poco precari, non si conoscono effettivamente le vere appartenenze da quali valori programmatici progetti, rapporti personali, aggiungiamo, sono legati per quanto ne abbiamo visto in Consiglio regionale. Detto tanto, oggi è davvero difficile quasi impossibile, definire i contorni  di un  centrodestra capace di sostenere un qualsiasi candidato designato dove molti sono con un piede di qua e l’altro di là pronti a fare il salto della lepre o del canguro più che della quaglia in barba alle proprie appartenenze o militanze del passato.

Al di la delle dichiarazioni del Governatore Toma  ad oggi non sapremmo individuare quali sono le vere direttrici politiche che dovranno guidare il futuro di questa regione, forse sarebbe meglio ispirarsi sia sul fronte del centrodestra che del centrosinistra, a questa sorta di  modello Isernia non voluto e cercato ma scaturito così dal nulla,  dove la partecipazione popolare per quanti sono andati a votare, le liste civiche i giovani le Associazioni ed i Comitati più che i partiti tradizionali, sempre più lontani dal vero popolo, hanno costituito l’inizio di una nuova era, limitata ancora, ma da coltivare e seguire con la consapevolezza che essa è la scommessa in uno sconvolgente cambiamento sociale amministrativo e politico dove i veri “padroni” potrebbero essere le nuove generazioni.

il direttore

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: