ARCHEOLOGIA – Rinasce la villa romana di San Giacomo degli Schiavoni

vaccino salva vita
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud

SAN GIACOMO DEGLI SCHIAVONI – Il sito archeologico romano, risalente ad oltre 2300 anni fa, è di nuovo aperto alle visite.

Un vero e proprio tesoro nascosto, abbandonato da decenni, torna oggi a vivere. Si tratta della villa rustica romana di San Giacomo degli Schiavoni, un gioiello fino ad oggi proibito, una risorsa archeologica, storica e turistica per l’intera Regione.

Ad annunciarlo è il sindaco di San Giacomo Costanzo della Porta: “Oggi restituiamo alla nostra comunità e all’intera Regione un patrimonio storico e culturale che abbiamo la fortuna di conservare sul nostro territorio. La Villa Rustica romana, in località San Pietro, torna a vivere, e potrà finalmente essere ammirata nella sua bellezza da tutti noi”. Un risultato importante, quindi, anche per l’amministrazione comunale guidata da Costanzo Della Porta, entusiasta nell’annunciare la fine dei lavori.

L’importante sito archeologico si trova in località San Pietro, al confine fra Termoli e San Giacomo, in un’ambientazione suggestiva, tra campagne e terreni dai quali è possibile apprezzare un bellissimo panorama con splendida vista sul mare.

Gli scavi, realizzati a partire dal 1982, fecero riemergere alla luce i resti dell’antica villa in un sito abitato a partire dal IV secolo avanti Cristo e fino al V secolo dopo Cristo.

La frequentazione dell’area risale al 400 a.C., con alcuni ambienti di epoca sannita e frentana, mentre altri ambienti sono stati successivamente inglobati dalla villa romana, rimasta abitata fino al periodo tardo imperiale. Con la caduta dell’Impero, nei secoli successivi all’abbandono della villa, in particolare nel VI e nel VII secolo, alcune parti della villa sono state recuperate e riutilizzate per poi essere definitivamente abbandonate in epoca medievale.

Dopo decenni di abbandono, nel 2018 l’Amministrazione comunale riuscì ad ottenere dalla Sovrintendenza il nulla osta volto ad avviare una riqualificazione affidata direttamente al Comune. Già dall’anno precedente, tuttavia, l’opera di volontari e amministratori aveva garantito una prima opera di manutenzione, pulizia e sfalcio dell’erba.

Ora i resti della villa romana sono tornati definitivamente a splendere nel loro fascino, a seguito di un’importante opera di conservazione e di restauro che ha trasformato quella che era ormai una discarica abusiva in una vera e propria meta turistica di grande pregio e di notevole importanza storica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
colacem
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
esco fiat lux
error: