VENAFRO – SS Rosario, il sindaco Ricci diffida l’Asrem: “Attivare i servizi previsti dal Pos 2015/2018”

Alfredo Ricci
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
vaccino salva vita
mama caffè bar venafro

VENAFRO – Il sindaco Alfredo Ricci chiede di riattivare la riabilitazione extraospedaliera e i posti letto previsti dal Pos 2015/2018.

“Nelle settimane scorse ho inviato all’ASREM una diffida, con cui chiedo che entro 30 giorni presso l’Ospedale SS. Rosario siano attivati in maniera continuativa i seguenti servizi:

  • riabilitazione extraospedaliera a ciclo continuo, con 10 posti letto per riabilitazione estensiva e 10 posti letto per riabilitazione di mantenimento;
  • R.S.A. con 40 posti letto a media intensità per anziani;
  • R.S.D. con 10 posti letto ad alta intensità per demenza.”

Lo comunica il sindaco di Venafro Alfredo Ricci, spiegando che i servizi da attivare erano già previsti dal vecchio Pos e che, con il nuovo Piano sanitario, non ci sia stato alcun cambiamento.

Ricci sottolinea che non è stata scelta la strada del ricorso al TAR contro il nuovo Pos 2019/2021 ma al tempo stesso spiega la necessità di diffidare l’Asrem al fine di tutelare il diritto alla salute della cittadinanza.

“Si tratta dei servizi previsti nell’atto aziendale ASREM – spiega il sindaco – adottato a seguito del POS 2015/2018 e tuttora efficace, tenuto conto che il POS 2019-2021, predisposto dal Commissario ad acta Giustini e adottato lo scorso mese di settembre dal nuovo Commissario Toma, non ha previsto nulla di diverso rispetto a quanto era stato indicato nel 2016 dall’allora Commissario Frattura.

Il punto sul POS 2019/2021 è proprio questo: per il SS. Rosario non si è previsto nulla di nuovo – né in meglio né in peggio – rispetto a quanto era contenuto nel precedente Piano Frattura.

Allora (era il 2016) sia il Comitato SS. Rosario sia il Comune di Venafro decisero di non proporre ricorso al TAR, tanto è vero che io, non essendo troppo convinto di quella scelta, proposi il ricorso al TAR soltanto per il Comitato Pro Vietri. Quel ricorso, che, quindi, venne proposto solo per l’Ospedale di Larino, fu vinto, anche se gli effetti della sentenza favorevole del TAR Molise furono poi vanificati dal blitz che il Governo allora in carica fece, approvando con legge il Piano Frattura.

Oggi, nel 2021, come allora (2016), sia il Comitato sia il Comune di Venafro hanno deciso di non proporre ricorso al TAR avverso il POS 2019/2021.

Le ragioni dell’attuale scelta sono state spiegate bene nei giorni scorsi dal Presidente del Comitato Gianni Vaccone. Il POS adottato dal Commissario Toma scadrà il 31 dicembre prossimo. Il Presidente-Commissario, nel corso della recente riunione della conferenza dei Sindaci ASREM, ha anticipato che ha intenzione di adottare subito il nuovo POS 2022/2024, e che è su quello che si giocherà il futuro della sanità molisana.

Oggi impugnare dinanzi al TAR Molise il POS 2019/2021, che per il SS. Rosario contiene le stesse previsioni del POS 2015/2018 (quello che nel 2016 né il Comitato né il Comune hanno impugnato), sarebbe stato inutile, forse tecnicamente anche non fattibile.

La vera sfida sta nel pretendere un nuovo ruolo per il SS. Rosario nel POS 2022/2024. Ospedale di comunità e casa della salute – in cui il SS. Rosario è stato riconvertito dal Piano Frattura del 2016 – significano un insieme di servizi che devono essere attivi e operativi continuativamente a Venafro.

Ecco il motivo per cui ho inviato una formale diffida ad ASREM a ripristinare quei servizi che sono previsti e non sono stati mai attivati, e a riattivare quelli che erano operativi, sono stati sospesi per il COVID e oggi inspiegabilmente restano ancora bloccati. Su questa strada siamo pronti ad andare avanti.

Ma la prospettiva non può prescindere neanche dalla garanzia effettiva rispetto all’emergenza: il cittadino che ha bisogno di piccoli interventi di emergenza deve potersi rivolgere al SS. Rosario e trovarvi una struttura pronta a prenderne in carico le esigenze, anche perché sappiamo tutti che il Pronto Soccorso di Isernia non riesce a riscontrare in tempi decenti tutti gli accessi che riceve. Su questo con il Comitato puntiamo in vista del POS 2022/2024.

Per fare questo – conclude Ricci –  è necessario che il nuovo POS parta da un ripensamento della logica dei numeri, che finora l’ha fatta da padrona. Proprio su questo tema ho insistito nel corso dell’incontro che di recente, insieme ad altri colleghi Sindaci, abbiamo tenuto con il Capo della Segreteria del Ministro della Salute Speranza. I numeri non possono essere il parametro per misurare il livello di efficienza della sanità molisana e l’entità delle prestazioni sanitarie da garantire ai Molisani. D’altronde, se problemi sono ancora sul campo dopo 14 anni di Piano di Rientro e dopo 12 anni di commissariamento (con tre Presidenti di Regione succedutisi e una decina tra commissari e subcommissari), significa che quella logica dei numeri non funziona. Il diritto alla salute resta centrale, da garantire anche ai Molisani, che non sono cittadini di serie B.

Su questo, insieme al Comitato SS. Rosario, continuiamo nelle nostre battaglie, sempre con coerenza e determinazione, senza paura delle polemiche create ad arte da chi su questi temi vorrebbe fare una strumentalizzazione politica fine a se stessa, che noi, che su questo argomento siamo sempre stati in prima linea a prescindere da chi avevamo di fronte, purtroppo abbiamo imparato a conoscere bene”.

M.A.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: