GUARDIE MEDICHE – Limitate anche a Isernia città. Denuncia a voce alta del sindaco di Capracotta Paglione

mama caffè bar venafro
La Molisana Natale plastica
Smaltimenti Sud

CAMPOBASSO – Sanità, neppure le Guardie mediche per i molisani. Da quanto si apprende dalla Asrem dopo  il taglio dell’ emergenza urgenza nel basso Molise ora tocca all’isernino.

Addirittura nel capoluogo di provincia, Isernia che da qui ai prossimi 15 giorni fino alla fine dell’anno avrà un servizio a singhiozzo con orari ridotti e a giorni alterni  sostituiti nella vacatio dalle Guardie mediche di paesi viciniori e non tanto come Macchia d’Isernia, Civitanova del Sannio Cantalupo del Sannio e Sessano del Molise. E tra questi c’è anche una riduzione di intervento assisa tenza quale emergenza urgenza anche Capracotta molisano montano che oltre ad ad avere una viabilità molto particolare per l’altitudine e quindi il ghiaccio e la neve nella stagione invernale, si appresta a vivere  la sua stagione turistica invernale soprattutto con lo sci nordico. Una situazione drammatica insostenibile che chiama in causa le istituzioni di Isernia e territoriali da qui Candido Paglione primo cittadino di Capracotta che già ieri si è fatto sentire denunciando a voce alto quanto si sta per mettere in campo con i provvedimenti aziendali della Asrem: «Siamo stanchi di assistere alla distruzione quotidiana dei nostri diritti, anche di quelli più semplici.Indispensabile una valutazione sulla catena di comando».

Ieri il Distretto sanitario di base di Isernia ha comunicato al Comune di Capracotta che, dalla seconda settimana di dicembre saranno scoperti, cioè privi di medico, ben sei turni di Guardia medica.

«Una cosa inaudita – afferma senza mezzi termini Candido Paglione, sindaco di Capracotta. Possiamo facilmente immaginare cosa significhi non avere la disponibilità del medico per un ambito territoriale di continuità assistenziale come quello di Capracotta.
Stiamo parlando del territorio montano per antonomasia del Molise e di una evenienza che, tra l’altro, si presenta nel periodo più difficile dell’anno, quando la percorribilità delle strade è aggravata dalle precipitazioni nevose e dal ghiaccio. A questo si deve aggiungere il fatto – prosegue Paglione – che Capracotta si sta preparando per affrontare al meglio la stagione turistica invernale, che rischia però di partire con i peggiori auspici: l’Ospedale di Agnone completamente depotenziato e una sanità territoriale sempre più impoverita dei servizi essenziali.

In ultimo, ma non per ultimo, la considerazione che a Capracotta esiste una casa di Riposo per anziani con ben quarantadue ospiti presenti, che hanno diritto almeno alla continuità assistenziale garantita dall’ambito di guardia medica presente. A questo punto – conclude il sindaco – credo che, al di la della condivisione, scontata, degli ordini del giorno e delle mozioni votate all’unanimità dal Consiglio regionale, ci sia da chiedersi se non sia arrivato il momento di fare una valutazione obiettiva della catena di comando della sanità regionale e di prendere, con grande serenità, gli opportuni provvedimenti. Siamo stanchi di assistere alla distruzione quotidiana dei nostri diritti, anche di quelli più semplici”.

G.C.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
fabrizio siravo assicurazioni
colacem

OPERAZIONE VERITÀ »

FASCICOLO ELETTRONICO SANITARIO »

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

Pubblicità »

fabrizio siravo assicurazioni
colacem
maison Du Cafè Venafro Natale

OPERAZIONE VERITÀ »

FASCICOLO ELETTRONICO SANITARIO »

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

Esco Fiat Lux Scarabeo
error: