Hotel ex Roxy, da riqualificare e quindi riaprire o abbattere per la sede regionale? De Chirico (M5S) interroga Toma

ex roxy Campobasso
Smaltimenti Sud
La Molisana Natale plastica
mama caffè bar venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

CAMPOBASSO – “Nei mesi scorsi – dice il consigliere regionale del M5S De Chirico – mi sono occupato di un tema che sta molto a cuore ai cittadini del capoluogo regionale, perché coinvolge una zona nevralgica in pieno centro.

Parlo dell’area che va dall’ex Roxy al campo Romagnoli, per la cui riqualificazione nelle ultime due legislature sono state prese iniziative politiche e presentati diversi progetti che avrebbero avuto un notevole impatto urbanistico, ridefinendo anche la viabilità circostante.

L’attuale governo regionale non ha comunicato alcuna iniziativa ma, da quanto ci hanno confermato, hanno operato pressoché all’insaputa del Comune. Da tempo ormai i cittadini interessati alla vicenda ricevono input discordanti, con dichiarazioni sporadiche ai giornali, ma l’Amministrazione regionale (proprietaria dell’area) non ha mai pensato di fare chiarezza e, soprattutto, trasparenza. Bisognerebbe coinvolgere quantomeno il Comune e gli stessi cittadini, a tutela del territorio, dell’ambiente e della stessa viabilità. Invece, nessuno di questi portatori di interessi legittimi è stato messo al corrente su quanto accade e solo in seguito ad una mia interpellanza il governatore Toma ha aggiornato me e il Consiglio regionale.

Ricordo ancora l’annuncio che Toma fece due anni fa, quando diceva di avere a disposizione 2,5 milioni di euro per «l’abbattimento» dell’edificio ormai in stato di degrado. Bene, scopriamo che quei soldi non ci sono più, perché riprogrammati per il Covid. Toma annunciava ai giornali anche di ben due manifestazioni di interesse dei privati sulla riqualificazione dell’intera area. Solo ora il Presidente ha chiarito in Aula che si trattava di richieste formali per conoscere i flussi finanziari che si sarebbero risparmiati nel caso in cui si fossero costruiti, mediante il project financing, gli edifici per ospitare Giunta, Consiglio e altri uffici regionali. A queste richieste, dice, non seguirono però progetti concreti. 

A dicembre scorso poi la Giunta riprogrammava ben 3,5 milioni di euro per la riqualificazione del Roxy, frutto del saldo di un debito maturato con il Comune di San Giuliano. A questa delibera, in effetti, avevo dato attenzione anche io, visto che balzava all’occhio la nomina a soggetto attuatore dell’intervento di Sviluppo Italia Molise. Una società regionale che mai aveva avuto incarichi su operazioni edilizie e che è interessata attualmente alla redazione e all’attuazione del Piano del turismo. L’intervento in questione parla però di “riqualificazione” e non più di demolizione, come si annunciava fino a pochi mesi fa. Anche Toma in aula ribadisce che con questi soldi c’è la possibilità di fare una manutenzione straordinaria dell’ex Roxy, addirittura «per riaprirlo». Ma allora ha intenzione di ristrutturare l’edificio? 

La novità clamorosa comunque, che andrebbe a ribaltare le intenzioni manifestate con questa delibera, è che poche settimane dopo, proprio il 31 dicembre, è stata recapitata alla Regione, non si sa da quale gruppo imprenditoriale, una proposta formale di project financing per realizzare il complesso immobiliare e le aree verdi sull’intera zona. Toma dice che sarà necessario un parere tecnico attraverso un advisor esterno, forse Cassa Depositi e Prestiti, per definire ufficialmente la convenienza economica. Nel caso in cui il progetto sarà ritenuto conveniente, si dovranno nuovamente riprogrammare quelle risorse della delibera e il progetto dovrà approdare in Giunta per la redazione di un bando pubblico. Ma il tempo stringe: «Il nostro imbarazzo – ha dichiarato Toma in Consiglio – è se riprogrammare, perché noi abbiamo delle risorse programmate per la ristrutturazione. Nel giro di poche settimane dobbiamo sapere se dare o non dare corso al project financing e se ci convenga».

Questo perché, trattandosi di fondi Fsc, sappiamo che quei soldi vanno impiegati entro la fine di quest’anno. Sappiamo anche che, se verrà pubblicato il bando per l’intera area, le risorse necessarie stimate sono di circa 50 milioni di euro, in gran parte provenienti dal privato. Ma non sappiamo quanto ci metterebbe la Regione e dove sia la remuneratività dell’investimento per lo stesso privato. Per ora resta in piedi il progetto che vinse il famoso concorso di idee bandito dalla Giunta Frattura. Lo afferma anche Toma che quello sarà il progetto base ma dice anche che «quando lo vai a declinare operativamente puoi farlo in diverse maniere».

Insomma, i cittadini di Campobasso – conclude De Chirico -potrebbero vedere stravolta un’intera area centrale della città oppure, se salta il project financing, vedere addirittura riaperto l’edificio Roxy. Ma il tutto, finora, è passato in sordina, senza la necessaria trasparenza e senza il coinvolgimento del Comune, come fecero i predecessori di Toma. Dal canto nostro, abbiamo condotto questa operazione di trasparenza e seguiremo attentamente tutti gli sviluppi, per scongiurare possibili conflitti d’interesse e per tutelare l’interesse della collettività.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
esco fiat lux
error: