CRONACA – Tamponi senza autorizzazioni, i Nas chiudono 5 punti prelievo

stampa digitale pubblicità black&barry venafro
La Molisana Natale plastica
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud

CAMPOBASSO – A seguito degli interventi del Nas è scattata la sospensione di 3 laboratori di analisi e di 2 poliambulatori.

Effettuavano tamponi senza le necessarie autorizzazioni previste dalla normativa. E’ quanto emerge da un’ampia operazione effettuata dai Carabinieri del Nas e condotta su tutto il territorio nazionale con la collaborazione del Ministero della Salute. “Ad esito delle ispezioni – informa una nota – è stata disposta la sospensione di 21 punti di prelievo di tamponi rapidi condotti in condizioni igienico-strutturali carenti e individuati 18 operatori che svolgevano l’attività privi del Green pass”.

L’operazione ha coinvolto anche il territorio molisano dove il Nas Campobasso ha chiuso 2 ambulatori di Termoli e uno di Campobasso dove si eseguivano test molecolari senza averne l’autorizzazione.

E’ scattata la sospensione anche per altri 2 centri analisi, uno a Petacciato e uno a Campomarino dove l’ostacolo veniva aggirato inviando i campioni prelevati al di fuori del Molise, in laboratori per test rapidi autorizzati in altre Regioni.

Negli ultimi 30 giorni i servizi di controllo hanno interessato complessivamente 1.360 farmacie e centri di analisi su tutto il territorio nazionale, rilevando irregolarità presso 170 di essi e
contestando 282 violazioni.

Come spiegano dal Comando dei Nas, “i Carabinieri hanno concentrato i loro sforzi per verificare che presso i punti di prelievo venissero effettuate correttamente le operazioni di identificazione dei soggetti da sottoporre a test, previa richiesta ed esibizione del documento di identità unitamente alla tessera sanitaria. Una operazione nazionale ad ampio raggio che è partita un mese fa con l’obiettivo di contrastare il fenomeno dei c.d. falsi positivi”.
In  pratica soggetti già risultati positivi si presentavano presso un punto di prelievo con la tessera sanitaria di un’altra persona “no vax” al fine di fargli ottenere, alla scadenza del periodo di quarantena e successivamente a un test negativo effettuato da quest’ultimo, il “green pass”.

M.A.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Natale
fabrizio siravo assicurazioni
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
fabrizio siravo assicurazioni
colacem
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
error: