VENAFRO – Inquinamento, scendono in campo gli studenti del “Giordano”

Isiss-Giordano-Venafro
Smaltimenti Sud
Boschi e giardini di Emanuele Grande
mama caffè bar venafro
La Molisana Natale plastica

VENAFRO – Gli studenti dell’Istituto Comprensivo “Giordano” saranno protagonisti di una conferenza sull’ambiente.

La locandina della conferenza

Una tematica, quella relativa all’inquinamento nella Piana di Venafro, che ha visto negli ultimi mesi una serie di interventi da parte di associazioni e istituzioni.

L’interessamento degli studenti, tuttavia, rappresenta il segnale più forte, quello delle nuove generazioni che non accettano di vivere in una situazione ormai divenuta insostenibile e che si impegnano direttamente mettendo in campo passione e voglia di cambiare le cose.

Dall’Istituto comprensivo “Giordano” arriva quindi un segnale forte, grazie agli studenti che hanno effettuato una ricerca sugli sforamenti dal 2015 ad oggi e che pongono ora la questione ambientale dinanzi alle istituzioni con una conferenza dal titolo “Cosa Sta succedendo a Venafro? Gli studenti interrogano le Istituzioni”. Una conferenza organizzata dalla Scuola per il prossimo 26 febbraio, dalle ore 10 alle ore 12 presso la Palazzina Liberty.

“Noi studenti del Giordano- scrivono i rappresentanti degli studenti- il prossimo 26 febbraio avremo il privilegio di confrontarci con il Cnr di Pisa sullo studio epidemiologico che dovrebbe farci capire qualcosa in più circa le cause che determinano gli sforamenti. Abbiamo scelto questa strada per sapere la verità fino in fondo.

Vorremmo ricordare anche ai nostri rappresentanti istituzionali che nella nostra Costituzione è entrata la tutela dell’ambiente, della biodiversità e degli ecosistemi anche nell’interesse delle future generazioni, per questo ci teniamo a sottolineare che la nostra iniziativa punta a una informazione corretta sulla tematica inquinamento nella piana di Venafro”.

Il Dirigente Scolastico professore Marcellino D’Ambrosa ha curato i contatti con l’Unità di Ricerca Epidemiologia ambientale e Registri di patologia, Istituto di Fisiologia Clinica, Consiglio Nazionale delle Ricerche (IFC-CNR), riuscendo ad avviare il primo incontro degli esperti di Pisa con gli studenti di Venafro. Si tratta di una attività di formazione e informazione nelle scuole circa la “Realizzazione di uno studio di coorte residenziale basato sulla ricostruzione del profilo di mortalità e morbosità in associazione con rischi ambientali”.

Ci saranno, a partire dalle ore 10, i saluti del Dirigente Scolastico professore Marcellino D’Ambrosa, i saluti del sindaco Alfredo Ricci e dell’Assessore all’ambiente Dario Ottaviano. Invitati anche i vertici dell’Arpa Molise e della Asrem per eventuali interventi.

A seguire l’introduzione e la presentazione della ricerca effettuata dagli studenti del “Giordano” sugli sforamenti a Venafro dal 2015 a oggi. Poi i vari interventi degli esperti del Cnr di Pisa sugli argomenti proposti alla dirigenza del “Giordano”.

Queste le conclusioni a cui sono giunti gli studenti portando avanti uno studio sui dati dell’Arpa Molise: “Che l’aria di Venafro sia inquinata è purtroppo fuor di dubbio, i livelli elevati di particolato che vengono rilevati dalle 2 centraline situate sulle arterie di maggiore viabilità lo confermano chiaramente, ma occorre indagare tutti i possibili fattori di inquinamento senza indicarne       pregiudizialmente solo alcuni, perché ciò non consente di risalire correttamente alle cause, impedendo o comunque rallentando la soluzione del problema.  Un approccio più scientifico per indagare e definire correttamente le cause.

Potenziare la rete di sorveglianza del territorio e pretendere maggiore attenzione.  Ci siamo anche posti la domanda: ‘Ma che cosa possiamo fare di concreto noi studenti?’ Poi la risposta è venuta da sé: conoscere i problemi, studiarli in maniera approfondita è il modo migliore per acquisire competenze adeguate e consapevolezza del giusto ruolo da assumere per sentirsi partecipi, ricordando anche ciò che diceva Gandhi: Sii il  cambiamento che vorresti vedere nel mondo”.

Il Preside D’Ambrosa ha predisposto anche la diretta sul canale Youtube dell’Istituto, a partire dalle ore 10 di sabato 26 febbraio 2022. All’indirizzo della Scuola arrivano richieste circa la partecipazione alla conferenza, ma le presenze saranno contingentate secondo le norme anti Covid 19.

M.A.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
Bar il Centrale Venafro
Agrifer Pozzilli
Esco Fiat Lux Scarabeo
Edilnuova Pozzilli
error: