GUERRA IN UCRAINA – Il Comune di Montenero in prima linea per aiutare la popolazione e i profughi

Smaltimenti Sud
La Molisana Natale plastica
Boschi e giardini di Emanuele Grande
mama caffè bar venafro

MONTENERO DI BISACCIA – Ieri l’incontro convocato dall’amministrazione comunale con le associazioni locali.

Il sindaco Simona Contucci insieme con l’assessore Loredana Dragani e con la consigliera Cabiria Calgione hanno incontrato nella tarda mattinata di ieri i delegati delle associazioni presenti sul territorio comunale, al fine di affrontare i temi degli aiuti alla popolazione ucraina e dell’accoglienza dei profughi che fuggono dalla guerra.

“Devo ringraziare davvero tutti i rappresentanti delle associazioni locali – ha dichiarato il sindaco Simona Contucci – per essere intervenuti ieri in maniera compatta alla riunione che abbiamo voluto convocare in sala consiliare sui temi degli aiuti alla popolazione ucraina e dell’accoglienza dei profughi che fuggono dalla guerra. Un doveroso ringraziamento inoltre lo rivolgo al consigliere De Risio per aver dato il proprio contributo.

L’occasione – continua Contucci – è stata utile per riferire delle varie interlocuzioni che sono in atto e che, in questa fase, si stanno concretizzando principalmente con le disposizioni fatte pervenire dalla Prefettura di Campobasso, oltre che da altri Enti che stanno organizzando iniziative su queste tematiche.

Abbiamo quindi concordato un percorso fatto di vari step successivi, dedicati proprio a questa tematica così importante: prima di tutto abbiamo rinnovato l’invito a presenziare al Girotondo per la Pace, che si terrà domani pomeriggio (domenica 6 marzo) alle ore 16 in Piazza della Libertà, che ha lo scopo di trasmettere soprattutto ai più giovani un messaggio di speranza e di sensibilizzazione al tema della pace e della fratellanza tra i popoli.

Nel corso dell’incontro abbiamo poi individuato tutti insieme la Pro Loco Frentana come associazione che si occuperà, per conto del Comune, di raccogliere le adesioni di privati cittadini che potranno dare la disponibilità di proprie abitazioni da destinare all’accoglienza di profughi ucraini, per periodi di tempo che andranno ovviamente indicati; questo elenco verrà poi inviato dal nostro Comune alla Prefettura, che a sua volta ne terrà conto nell’ambito delle iniziative ufficiali che verranno intraprese, anche in riferimento ai Centri di Accoglienza Straordinaria (Cas) che saranno attivati. A brevissimo la Pro Loco darà indicazioni più precise circa le modalità con cui poter comunicare le proprie disponibilità.

Per quanto concerne invece le altre associazioni, abbiamo deciso che predisporremo una serie di iniziative, che saranno comunicate nei prossimi giorni, finalizzate alla raccolta di donazioni attraverso canali ufficiali che hanno già aperto conti correnti dedicati agli aiuti da destinare alla popolazione ucraina.

Mi preme sottolineare, infine, che la nostra Amministrazione comunale ha davvero a cuore le tematiche della solidarietà internazionale, specie in occasione di conflitti bellici che coinvolgono e colpiscono in tutta la loro drammaticità le nostre coscienze; ciò però non significa dover agire di pancia o in maniera scoordinata e, soprattutto, senza le regole stabilite da organizzazioni sovraordinate a quella del Comune. È solo coordinando le azioni e seguendo regole precise che si potranno raggiungere risultati concreti e più efficaci.

Auspichiamo quindi che su questi temi non si aprano più dibattiti sterili, ma che si agisca in sinergia e senza astio, per il bene della nostra comunità e soprattutto di quella che in questo momento sta patendo le mostruosità della guerra”.

M.A.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
Edilnuova Pozzilli
Agrifer Pozzilli
Esco Fiat Lux Scarabeo
Bar il Centrale Venafro
error: