GUERRA IN UCRAINA – Profughi ucraini, vertice in Prefettura a Campobasso

mama caffè bar venafro
La Molisana Natale plastica
Smaltimenti Sud
Boschi e giardini di Emanuele Grande

CAMPOBASSO – Prima riunione, questa mattina in Prefettura, del Tavolo di coordinamento regionale sui flussi migratori non programmati.

Si è parlato della necessità di affrontare l’emergenza connessa ai profughi ucraini in modo adeguato ed efficiente attraverso un lavoro sinergico tra il presidente della Regione, commissario delegato cui spetta l’organizzazione del sistema territoriale di Protezione civile negli interventi e nelle attività di soccorso e assistenza, e le Prefetture che provvedono, in stretto raccordo con il commissario, a fronteggiare le eccezionali esigenze di accoglienza.

È stata già avviata una ricognizione sulle strutture disponibili, a partire dai Centri di accoglienza straordinaria e dalla Rete del sistema di accoglienza e integrazione presenti sul territorio. Diverse le richieste che stanno arrivando dai Comuni. Il problema è quello di verificare l’idoneità delle strutture proposte. Il presidente Toma ha annunciato la prossima pubblicazione di una manifestazione d’interesse per i Comuni. Ci sono, poi, la messa a disposizione di abitazioni private e la disponibilità di volontari ad ospitare i profughi nelle proprie case. Anche il sistema scolastico molisano è pronto a ricevere nelle classi alunni ucraini.

All’incontro – si legge nella nota diffusa dalla Prefettura – hanno partecipato il Presidente della Regione, Commissario delegato all’emergenza in atto, il Prefetto di Isernia, il Sindaco del capoluogo e il Presidente della provincia di Isernia, i Questori delle due province, i rappresentanti dell’Amministrazione provinciale di Campobasso, del Comune di Isernia, dell’ANCI Molise, dell’Ufficio Scolastico regionale e dell’ASREM.

Nel corso dell’incontro sono state esaminate le recenti disposizioni emanate nella specifica materia, con particolare riferimento alle competenze del Presidente della Regione, Commissario delegato per gli interventi e le attività di soccorso e assistenza alla popolazione proveniente dall’Ucraina e dei Prefetti che, in raccordo con il medesimo, provvedono a fronteggiare le esigenze di accoglienza sul territorio dei predetti cittadini.

È stata, quindi, compiuta una analisi sulle attuali soluzioni di alloggiamento e su quelle che potranno essere reperite in caso di ulteriori necessità, facendo riferimento in primo luogo ai CAS (Centri di Accoglienza Straordinaria) e alla rete del S.A.I. (Sistema di Accoglienza e Integrazione).

I Prefetti di Campobasso e Isernia hanno rappresentato di avere già interessato i Sindaci molisani affinché valutino la possibilità di sottoscrivere accordi di collaborazione con cui affidare ai Comuni stessi la gestione dell’ospitalità, sempre secondo la disciplina del sistema CAS.

Elemento essenziale per una efficace gestione dell’emergenza. è l’attivazione di un costante e sinergico flusso informativo fra tutte le istituzioni competenti, anche al fine di garantire con immediatezza la necessaria assistenza sanitaria per la prevenzione del contagio pandemico sia mediante screening tempestivi all’ingresso nel territorio, sia per l’attivazione dei protocolli vaccinali.

Analoga attenzione sarà riservata agli esuli in età scolare attraverso l’applicazione, anche nei loro confronti, degli istituti e delle garanzie in materia di diritto alla istruzione, di accesso ai servizi educativi e di partecipazione alla vita delle comunità scolastiche, anche, ove necessario, con la realizzazione di progetti di integrazione”.

 

C.C.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

Esco Fiat Lux Scarabeo
Agrifer Pozzilli
Bar il Centrale Venafro
fabrizio siravo assicurazioni
Edilnuova Pozzilli
error: