CAMPOBASSO – Chiesti 2 milioni per il restauro di Villa De Capoa

Villa De Capoa Campobasso
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
La Molisana Natale plastica

CAMPOBASSO – Il Comune in partenariato con l’Università degli Studi del Molise ha risposto all’avviso nell’ambito del Pnrr.

Due milioni di euro per ristrutturare e valorizzare Villa De Capoa, il giardino più bello del capoluogo attraverso la partecipazione ad un avviso pubblico inserito nell’ambito del Pnrr. Il progetto voinvolge il Comune di Campobasso in partenariato con l’Università degli Studi del Molise.

Il Comune di Campobasso, infatti, con una delibera di Giunta, ha provveduto a rispondere all’Avviso pubblico per la presentazione di “Proposte di intervento per il restauro e la valorizzazione di parchi e giardini storici” da finanziare nell’ambito del PNRR. L’avviso è finalizzato a sostenere progetti di restauro, manutenzione straordinaria, conservazione, messa in sicurezza e valorizzazione di parchi e giardini di interesse culturale (artistico, storico, botanico, paesaggistico)

L’Amministrazione comunale, in partenariato con l’Università degli Studi del Molise, ha così presentato una proposta di intervento per il restauro e la valorizzazione della “Villa De Capoa” basato sul tema “Il Giardino Storico Villa De Capoa: tra biodiversità e socialità”.

Tra gli obiettivi principali del progetto ci sono: elevare gli standard di gestione, manutenzione, sicurezza e accoglienza; contribuire al miglioramento dell’offerta culturale e di servizi, nonché della qualità della vita dei cittadini; favorire lo sviluppo di funzioni ecosistemiche con dirette e positive ricadute ambientali; rafforzare e diffondere le conoscenze scientifiche, tecniche, botaniche e ambientali.

Il progetto punta alla riqualificazione e valorizzazione della biodiversità presente in un’ottica generale di restituzione alla comunità, ed in particolare ai giovani, di un luogo simbolo di Campobasso anche quale spazio di relax per un maggior benessere psico-fisico dei visitatori. La sinergia tra gli interventi proposti ne migliorerà la gestione garantendo una migliore sostenibilità economico-ambientale e una più efficiente manutenzione in grado di preservarne il valore nel tempo anche in relazione all’interesse storico-artistico meritevole di tutela, come riconosciuto dalla Soprintendenza del Molise.

Sarà prevista l’attivazione di un sistema di monitoraggio della salute della componente verde in un’ottica di sostenibilità e nuovi impianti di irrigazione che miglioreranno la gestione e manutenzione della villa in conformità con le linee guida MIC-APGI.

La sistemazione del muro, interventi sull’illuminazione e sull’accessibilità dei vialetti miglioreranno la sicurezza e l’accoglienza anche per i portatori di handicap motori e visivi, mentre il pericolo di incendio per l’elevata presenza di piante resinose verrà mitigato con la realizzazione di un nuovo impianto ad hoc.

Prevista anche la creazione di una kaffeehaus in stile Liberty con annesso centro visitatori e alcuni “vista point” che potranno aumentare la frequentazione e la fruizione della Villa. Il ripristino di due ingressi, oltre all’attuale, consentirà alla villa di trasformarsi in un attraente luogo di passaggio. La cartellonistica sarà leggibile anche da persone con qualche limitazione del visus. L’offerta culturale ad oggi limitata ad un cartellone estivo, verrà ampliata grazie alla definizione di nuovi spazi al coperto (kaffeehaus), che potranno ospitare altre tipologie di eventi come mostre, presentazioni di libri, degustazioni eno-gastronomiche, etc..

Nel progetto è prevista anche la realizzazione di una mappa, cartacea e su app, con percorsi per valorizzarne gli aspetti storici, ambientali e culturali, come anche la realizzazione di corridoi e barriere ecologiche, le prime per migliorare la connessione fra le componenti naturali e semi-naturali dell’intorno urbano, le seconde per mitigare l’impatto visivo degli impianti sportivi attualmente collocati in un habitat degradato e ridurre gli impatti negativi (rumore e polvere) generati dalla rete stradale vicina.

Quale centro funzionale della rete ecologica di Campobasso l’intervento proposto nel progetto prevede la ridefinizione delle volumetrie arboree per consentire le più idonee condizioni agronomiche per aumentare la sostenibilità dell’ecosistema. La creazione di un piccolo giardino botanico con l’introduzione della flora appenninica di pregio consentirà la diffusione delle conoscenze scientifiche su tali specie e stimolerà la capacità percettiva e sensoriale nei visitatori aumentando così l’attrattività del luogo. Le specie botaniche verranno illustrate grazie a percorsi leggibili con QRcode ed app anche per soggetti diversamente abili.

L’importo totale di tutti gli interventi inseriti nel progetto è stato stimato intorno ai 2.000.000,00 di euro.

M.A.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
fabrizio siravo assicurazioni
colacem
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
colacem
fabrizio siravo assicurazioni
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
error: