REGIONE – Iorio “basta contrapposizioni, si apra un tavolo politico per la sanità molisana”. Lettera a Draghi

mama caffè bar venafro
La Molisana Natale plastica
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud

CAMPOBASSO – Dopo l’approvazione in Consiglio regionale della proposta di legge, Iorio, Aida Romagnuolo, Calenda, sul Piano sanitario regionale in contrasto con quanto deciso dal Commissario ad acta nonché presidente della Giunta, l’ex governatore Iorio apre al dialogo tra le parti per discutere una riorganizzazione sanitaria soprattutto ospedaliera che non vada in contrasto con quanto votato dall’assemblea consiliare. E su tanto ha scritto al Premier Draghi e ai rappresentanti della Maggioranza del Governo nazionale.

“Ho provveduto nei giorni scorsi  – ha detto Iorio – ad inviare una missiva al presidente del Consiglio dei Ministri il professor Mario Draghi e, per conoscenza, ai ministri della Salute on. Speranza, Affari regionali on. Gelmini e al ministro dell’Economia e Finanze dottor Daniele Franco per mettere a conoscenza del governo di quanto approvato dal Consiglio regionale in tema di organizzazione della rete dell’emergenza.

Una comunicazione istituzionale “obbligatoria” perché, pur essendo il governo Draghi un “governo tecnico” trova l’appoggio di tutte le forze politiche presenti in aula in Consiglio regionale che, attraverso il loro voto favorevole ma anche attraverso la loro astensione, hanno sostenuto la proposta di legge sulle linee guida della riorganizzazione della rete ospedaliera che vede come primo firmatario il partito di Fratelli d’Italia.

 L’Assemblea Legislativa regionale si è riappropriata del diritto costituzionale a legiferare in materia con la speranza di non andare in contrasto con le future decisioni del Commissario ad acta per i Piani Operativi nel settore dell’organizzazione del servizio di emergenza.

Proprio per questo ho chiesto ufficialmente di intervenire perché il Commissario ad acta pro tempore – anche Presidente della Giunta regionale – non provveda all’approvazione di un nuovo Piano Operativo Sanitario che vada in contrasto con la Legge regionale approvata. Anche in virtù della vicinanza della prossima tornata elettorale del 2023 che vedrà impegnato il Molise al rinnovo dell’organo legislativo locale insieme a quello nazionale.

L’assurdo di un commissariamento lungo circa 15 anni impone ad un certo punto che il Governo e la Regione Molise aprano ad un confronto serio e sereno per l’assunzione di reciproche decisioni nell’interesse della salute dei cittadini.

Basta con il rifugiarsi in continui contrasti lasciando deperire la situazione in cui versa il servizio pubblico regionale che, a sua volta, rialimenta le condizioni per il commissariamento.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

SEGUICI SU FACEBOOK »

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

SEGUICI SU FACEBOOK »

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: