GEMELLI MOLISE – I 20 anni della Radioterapia in Molise: premiati i  “fondatori”

Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
La Molisana Natale plastica

CAMPOBASSO – Continuano le celebrazioni per festeggiare il ventennale della Radioterapia in Molise.

Il Presidente Stefano Petracca ha voluto conferire ad alcuni dei protagonisti di quella importante fase storica uno speciale riconoscimento Premiati il professor Alessio Morganti, Direttore della Radioterapia che coordinò l’avvio delle attività, il professor Francesco Deodato, attuale Primario e Direttore del Dipartimento Laboratori e Servizi, la dottoressa Gabriella Macchia,  il dottor Savino Cilla ed  il professor Vincenzo Valentini, Direttore  del Dipartimento Diagnostica per Immagini, Radioterapia Oncologica ed Ematologia del Policlinico Gemelli di Roma e coordinatore della Rete Art,  che raccoglie alcuni dei più prestigiosi Centri sul territorio nazionale.

“Grazie ai miei Maestri e grazie al nostro Presidente per aver creduto e per continuare a credere in noi” il commento a caldo di Gabriella Macchia, che si fa portavoce di tutta l’equipe. Sono passati 20 anni, ma l’entusiasmo è ancora quello del primo giorno. Il Presidente Petracca, insieme al dottor Panunzio, membro del CdA, in occasione di un incontro a Roma, ha consegnato un encomio particolare anche al professor Giovanni Scambia, primo Direttore del Dipartimento di Oncologica ed attuale Direttore Scientifico del Policlinico Gemelli di Roma, che nonostante i numerosi impegni, mantiene sempre un forte legame con il Molise.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
colacem
fabrizio siravo assicurazioni
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale
fabrizio siravo assicurazioni
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
error: