Ultramaratona 100 km, podio sfiorato ai campionati italiani di Torino: 4° posto per Antonella Ciaramella dell’Atletica Venafro

Boschi e giardini di Emanuele Grande
La Molisana Natale plastica
Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro

VENAFRO – Quarto posto assoluto per Antonella Ciaramella dell’Atletica Venafro ai campionati italiani maschili e femminili di ultramaratona sui 100 km svoltisi ieri a Torino.

La gara tenutasi nel parco Valentino  su un circuito di 10 km da ripetersi 10 volte, ha visto la partecipazione dei migliori ultra fondisti italiani tra cui l’azzurra Federica Moroni 50enne del Gs Gabbi vincitrice del titolo italiano con il tempo di 7 h 10′ 29”, campionessa uscente e già componente della nazionale italiana di specialità, nona ai Mondiali in Germania.

Antonella Ciaramella alla sua prima esperienza ai campionati italiani dopo aver vinto nelle ultime settimane  la ultramaratona del Gargano ed essersi piazzata seconda e terza a quelle di Pescara e del Gran Sasso, dove ha vinto il titolo tricolore della combinata, ha compiuto una gara perfetta con un lieve cedimento ai 60 km, causa pioggia, che per un soffio non le ha consentito di salire sul podio.

Un risultato eccellente  per la ultramaratoneta molisana, tesserata per l’Atletica Venafro del presidente Massimiliano Terracciano, che la proietta tra le prime in Italia nell’Ultramaratona. Antonella Ciaramella, infatti,  negli ultimi mesi ha compiuto progressi notevoli sulla distanza dei 100 km tant’ è che nella specialità, grazie alla sua giovane età,  è entrata nell’attenzione dei tecnici azzurri del gran fondo.

                                    G.C.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

Edilnuova Pozzilli
Esco Fiat Lux Scarabeo
Agrifer Pozzilli
fabrizio siravo assicurazioni
Bar il Centrale Venafro
error: