Olio per auto: quello che dobbiamo sapere. A cosa serve l’olio per auto? Quando cambiarlo? Come sceglierlo?

Olio per auto
Boschi e giardini di Emanuele Grande
Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
La Molisana Natale plastica

Olio per auto: quello che dobbiamo sapere. A cosa serve l’olio per auto? Quando cambiarlo? Come sceglierlo?

Quando si parla della manutenzione della propria auto, il primo pensiero va probabilmente all’olio motore. Questo elemento è infatti essenziale per il corretto funzionamento dell’automobile. Esso svolge diverse funzioni.

In primo luogo si tratta di un lubrificante che impedisce alle parti metalliche componenti il motore di entrare direttamente in contatto, riducendo l’attrito tra di esse.

In secondo luogo, l’olio assorbe parte del calore prodotto, evitando al motore di surriscaldarsi.

Quali tipi di olio esistono?

L’olio per motore viene prodotto dalle industrie petrolchimiche.

I due tipi principali tipi di oli in commercio sono di tipo convenzionale (minerale) o sintetico. Quest’ultimo ha una base ottenuta mediante procedimenti chimici e rappresenta la maggioranza degli oli in commercio. L’olio sintetico ha un prezzo maggiore rispetto a quello di origine minerale, visto che ha un grado di purezza più elevato ed offre delle prestazioni migliori rispetto a quello convenzionale.

La viscosità

Oltre alla marca specifica dell’olio, che può contenere speciali additivi e che garantisce una durata e delle performance differenti, una delle principali caratteristiche che andremo a valutare è il grado di viscosità.

In parole povere, più un prodotto è viscoso, maggiore sarà il grado di resistenza agli attriti. Il punto è che il grado di viscosità può variare in base alla temperatura. Sulle lattine di olio, questo parametro viene espresso attraverso delle sigle come 5W-40 o 10W-40. La W sta per Winter (inverno).

In pratica, il parametro fa riferimento alla tabella SAW J-300 (Society of Automotive Engineers). In questa tabella viene indicato il range di temperatura dell’aria entro il quale l’olio specifico mantiene la sua perfetta funzionalità.

Consultando questa tabella scopriremo ad esempio che l’olio 5W-40 può essere impiegato in ambiente con temperatura compresa tra i -35 ed i +40 gradi. In questi limiti, l’olio si mantiene non troppo viscoso in fase di avvio del motore ( evitando di offrire troppa resistenza ) ma nemmeno troppo fluido quando la temperatura sale.

 

Come scegliere quello giusto

Per scegliere l’olio giusto per la propria auto basterà controllare sul libretto della propria auto. A seconda del clima della zona in cui viviamo potrebbe essere necessario cambiare la tipologia di olio.

Perché e quando cambiarlo

Alcuni pensano che sia sufficiente controllare periodicamente il livello dell’olio ed eventualmente aggiungerne dell’altro se serve.

Abbiamo accennato all’importanza dell’olio nel preservare il corretto funzionamento del motore e delle sue parti meccaniche. Con il tempo e soprattutto per via dei continui cambi di temperatura, l’olio cambia la sua struttura chimica alterandosi. In questo modo perde di efficienza, riducendo di molto la sua funzione protettiva.

Per questo motivo viene suggerito di cambiarlo con una certa regolarità. Per le auto a benzina, il cambio deve avvenire al massimo dopo 20.000 km, mentre nel caso di auto a diesel entro e non oltre i 35.000 km.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
Bar il Centrale Venafro
Edilnuova Pozzilli
Esco Fiat Lux Scarabeo
Agrifer Pozzilli
error: