CRONACA – Caos 118, Federambulanze “Basta mance ai soccorritori, tuteliamoli con trasparenza”

Caos,118, Federambulanze
mama caffè bar venafro
La Molisana Natale plastica
Smaltimenti Sud
Boschi e giardini di Emanuele Grande

CAMPOBASSO – Emergenza urgenza 118, un vero caos in mezzo ad una sanità regionale a pezzi in tutta la sua gestione e programmazione.

La paventata sospensione del servizio annunciata per metà dicembre avanzata dal servizio 118 è una decisione che se portata a compimento condurrebbe a conseguenze inimmaginabili. E qui la Federambulanze Uninmpresa si fa avanti rilevando che il servizio di Emergenza Urgenza sanitaria  non può fermarsi e condannando le condizioni di lavoro a cui sono obbligati i volontari delle Associazioni di pronto soccorso si dichiara pronta a coprire il servizio.

“Basta mance ai soccorritori, abbiamo proposte per tutelare operatori e organizzazioni locali con trasparenza.
Apprendiamo la notizia dagli organi di stampa della volontà delle Associazioni, che svolgono il servizio 118 in Molise, di cessare l’attività per impossibilità di sostenere il servizio.
Chiediamo, dunque che gli organi competenti, l’ASREM e la Regione Molise procedano con trasparenza e nel rispetto della normativa appalti all’indizione di una gara ad evidenza pubblica per l’affidamento del servizio.
Apprendiamo che i soggetti del Terzo settore, al quale si chiede un servizio a ribasso sotto tariffa minima, sarebbero stati multati dall’Ispettorato del Lavoro, che ha considerato dipendenti e non volontari il personale impiegato in servizio.

Federambulanze, in rappresentanza delle imprese del settore, sta da tempo denunciando le problematiche che riguardano il settore, tra le quali la mancanza di tariffe standard idonee a garantire il servizio in condizioni dignitose e di rispetto dei minimi costi del servizio.
Accanto a questo, un servizio così importante per la salute dei cittadini, non può continuare ad essere terreno di risparmio e di continuo taglio dei corrispettivi.
Inoltre, l’emersione del ‘lavoro dei volontari’, peraltro avvalorato da una normativa regionale del Molise, che riconosce esplicitamente uno ‘specifico rimborso’ al personale ‘volontario’ tradisce lo spirito degli affidamenti diretti al Terzo Settore e costituisce il punto di non ritorno verso la necessaria trasparenza, garantita soltanto
dalle procedure ad evidenza pubblica.

Per questo chiediamo che la Regione integri il budget necessario per il servizio e l’immediata indizione di una procedura di gara per il servizio 118 e, in rappresentanza delle imprese nostre aderenti, siamo pronti a garantire senza soluzione di continuità il servizio di emergenza urgenza in regione.”

Sul caos Molise il presidente della Federazione nazionale ambulanze Servizi assistenza di Unimpresa, Flavio Ronzi, dichiara : “Il 118 è un servizio essenziale che non si può gestire con mance da 50 euro al giorno. E’ ora di dare stabilità a queste professionalità.
Disponibili al dialogo in un incontro con la Regione Molise per proporre soluzioni sostenibili che vedano la tutela delle Organizzazioni territoriali, la creazione di veri posti di lavoro e l’innalzamento della qualità del servizio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail

Fascicolo Sanitario Elettronico »

Fascicolo Sanitario Elettronico
Aldo De Benedittis  comunali Campobasso
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Fascicolo Sanitario Elettronico »

Fascicolo Sanitario Elettronico
Aldo Patriciello, Lega, Europee
Aldo De Benedittis  comunali Campobasso

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

Bar il Centrale Venafro
Agrifer Pozzilli
fabrizio siravo assicurazioni
Edilnuova Pozzilli
Esco Fiat Lux Scarabeo
error: