POLITICA – Entusiasmo per Bonaccini a Termoli: “Alle regionali possiamo vincere”

La Molisana Natale plastica
Smaltimenti Sud
Boschi e giardini di Emanuele Grande
mama caffè bar venafro

TERMOLI – Il presidente dell’Emilia Romagna è giunto questa mattina in Molise per la seconda tappa del suo tour elettorale.

La corsa alla segreteria del Partito Democratico passa anche per il Molise. In mattinata il governatore dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini si è recato a Termoli, accolto da un pubblico folto ma al tempo stesso scosso dalla pesante sconfitta elettorale subita nelle scorse consultazioni nazionali. Una sconfitta che si è manifestata pesantemente anche in Molise, dove il PD non è riuscito ad eleggere nessun parlamentare.

La visita di Bonaccini, tuttavia, ha rilanciato l’entusiasmo di iscritti e simpatizzanti che hanno accolto numerosi il candidato alla segreteria nazionale lasciando trasparire quanto la classe dirigente locale, come anche il movimento dei Giovani Democratici sia schierato in modo compatto dalla parte di Bonaccini.

Ad accoglierlo il segretario regionale del partito Vittorino Facciolla e il capogruppo in Consiglio regionale Micaela Fanelli.

Diversi i sostenitori e i dirigenti di partito presenti in sostegno di Bonaccini, tra questi da segnalare la presenza di Antonio D’Aimmo, dell’ex governatore Giovanni Di Stasi, Pierpaolo Nagni e gli amministratori di centrosinistra a Termoli, giunti in gran numero all’appuntemento. Tra gli ospiti anche il noto politologo professor Roberto D’Alimonte.

Diversi i temi affrontati da Bonaccini, che nel suo intervento ha toccato problematiche nazionali e locali non sottraendosi alle nostre domande prima di entrare nella sala della Cala Sveva, gremita per l’occasione.

In particolare Bonaccini si è soffermato sul Pnrr: “Se dovessimo cambiare adesso il programma rischieremo di perdere 1-2 anni e arriveremo alla metà del percorso che serve per investire e spendere le risorse, rischiando di perderle.

Per questo busogna chiedere un tavolo di confronto con gli enti locali e le parti sociali, ma soprattutto c’è bisogno di discutere di temi come il caro energia e il caro per evitare che le gare vadano deserte con le aziende che non partecipano”.

Sul reddito di cittadinanza ha poi commentato: “Governare vuol dire migliorare le cose e ridurre le distanze. Cancellare il reddito di cittadinanza sarebbe un errore, è una forma di sostegno che esiste in tutti i Paesi occidentali ma da noi ha fallito nella sua dimensione di trovare il lavoro che è una forma di dignità.

In senso più ampio, Bonaccini ha provato a rilanciare un partito in difficoltà partendo anche dal tema delle alleanze e dettando la linea in vista delle prossime elezioni regionali: “Le alleanze alleanza vanno fatte sui programmi e non a tavolino. C’è la possibilità di vincere ma abbiamo bisogno di un partito forte che non sia secondo a nessuno. In Molise non arriverà nessun salvatore della Patria da Roma. Il Partito Democratico deve essere pou presente nella società reale, al fianco della gente che lavora, studia e si diverte. Il PD non deve essere condannato all’irrivelanza”.

Totale fiducia è stata espressa nei confronti fronti di Bonaccini dai dirigenti locali, in particolare il segretario molisano Vittorino Facciolla lo ha indicato come una speranza per l’intero partito rivolgendosi direttamente a Bonaccini: “Hai una grandissima responsabilità, per noi sei una nuova speranza”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

Agrifer Pozzilli
Esco Fiat Lux Scarabeo
Bar il Centrale Venafro
fabrizio siravo assicurazioni
Edilnuova Pozzilli
error: