CRONACA – Minaccia di morte e aggredisce un ragazzo disabile per estorcergli denaro: arrestato

tribunale campobasso
Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
La Molisana Natale plastica
Boschi e giardini di Emanuele Grande

CAMPOBASSO – Fine di un incubo per un ragazzo disabile che ha trovato il coraggio di denunciare il suo carnefice.

“Nel pomeriggio dell’12 dicembre u.s. – si legge in una nota diffusa dalla Procura della Repubblica di Campobasso -, la Compagnia Carabinieri di Campobasso ha eseguito un’ordinanza cautelare – disposta dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Campobasso su richiesta di questa Procura – applicativa della misura della custodia in carcere nei confronti di un soggetto, residente nella provincia di Campobasso, già sottoposto a procedimento penale per reati della stessa indole e da poco ritornato in libertà. I reati contestati sono estorsione aggravata, violazione di domicilio, violenza privata e lesioni.

Le indagini hanno preso avvio dalla denuncia della vittima, un ragazzo residente nello stesso paese dell’indagato e portatore di disabilità intellettiva, il quale si è rivolto alle Forze dell’Ordine a seguito del rincalzare delle angherie e delle prepotenze da parte di colui che oramai era diventato il suo “strozzino”, espressione utilizzata dallo stesso indagato nel corso di uno degli incontri. L’attività tecnica, successivamente disposta, ha consentito di cristallizzare le condotte poste in essere dall’arrestato e di constatare come le richieste di denaro si accompagnassero non solo a minacce di morte, ma anche ad aggressioni fisiche mediante schiaffi, percosse e strattonamenti, cagionando alla persona offesa lesioni per le quali si è reso necessario anche l’intervento del personale sanitario.

Tutto ciò avveniva nella solitudine del domicilio della vittima, ove l’indagato si presentava con una certa frequenza, generalmente nella tarda serata, approfittando dell’assenza di altri conviventi; in un’occasione, l’arrestato ha sfondato la porta di ingresso con calci, mentre in un’altra ha fatto accesso nell’abitazione da una finestra, utilizzando una scala appositamente recuperata, così neutralizzando le resistenze ed i timori del ragazzo il quale, dall’interno della propria abitazione, tentava di ignorare le insistenti richieste di ingresso provenienti dall’indagato.

Le pretese estorsive e le aggressioni erano oramai divenute, negli ultimi tempi, insostenibili, tanto da costringere la stessa vittima ad abbandonare la propria abitazione, in diverse occasioni, considerato che ogniqualvolta essa vi facesse rientro l’indagato si ripresentava a imporre le proprie prepotenze.

Nonostante le numerose intimidazioni rivolte alla vittima al fine di evitare che presentasse denuncia o si confidasse con terzi, la stessa ha fortunatamente trovato il coraggio di rivolgersi alla Forze dell’Ordine e ciò dimostra come simili reati, che non solo colpiscono il patrimonio delle vittime o ne mettono in pericolo l’incolumità psicofisica ma soprattutto le logorano sotto profilo della serenità personale e degli equilibri di vita quotidiani possono emergere solo con il coraggio di chi denuncia”. Il procedimento è nella fase delle indagini preliminari, nel corso delle quali l’indagato potrà esperire, in ottica difensiva, tutti i rimedi processuali previsti dal codice di rito.

C.C.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

Agrifer Pozzilli
Bar il Centrale Venafro
Esco Fiat Lux Scarabeo
fabrizio siravo assicurazioni
Edilnuova Pozzilli
error: