Autonomia differenziata, Mauro Natale (Confindustria) “Pesa come un macigno sulle Regioni del Sud”

Mauro Natale Confindustria Molise
La Molisana Natale plastica
Boschi e giardini di Emanuele Grande
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro

CAMPOBASSO – Autonomia differenziata, il decreto legge Calderoli approvato dal Consiglio dei Ministri “Pesa come un macigno sulle Regioni del Sud”.

E’ quanto afferma il vicepresidente di Confindustria Molise e Vicepresidente del Comitato nazionale piccola industria di Confindustria nazionale Mauro Natale che aggiunge

“E’ sotto gli occhi di tutti che al Nord si vive meglio rispetto al Sud, perché la sanità funziona meglio, stessa cosa per la scuola e per i trasporti. – osserva Mauro Natale – Lo dicono i tanti rapporti sull’economia e lo stato di salute del Paese. Non si può, perciò, pensare all’autonomia differenziata se non si definiscono prima i Lep (livelli essenziali delle prestazioni), ossia quel minimo di prestazioni e servizi che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale. Lo ha ben detto il Presidente di Confindustria Carlo Bonomi, definendo “intellettualmente non onesto” pensare all’autonomia senza prima definire i Lep e finanziarli, ma non con il principio della spesa storica di un determinato territorio.

Ci sono materie sulle quali la centralità dello Stato non può essere derogata, sanità e scuola in primis. Ma le nostre preoccupazioni – aggiunge Natale – riguardano quegli ambiti che impattano fortemente sulla politica industriale come l’energia, l’ambiente, le grandi infrastrutture di trasporto, il commercio con l’estero, ossia materie che non possono essere gestite a livello locale perché ne deriverebbe una confusione normativa che le imprese non sarebbero in grado gestire.

Non possiamo più accettare un Paese a due velocità, con un Nord che corre e un Sud che arranca.

La riforma del titolo V della Costituzione, che dal 2001 ha demandato alle regioni competenze su materie fondamentali come scuola, sanità, infrastrutture e ambiente, ha fatto proliferare negli anni pubbliche amministrazioni inefficienti a supporto di governi regionali che hanno generato debiti drammatici nella sanità (la cui spesa vale l’80% del bilancio regionale). Da qui l’enormità di problemi che ne sono derivati, sempre più grandi e irrisolvibili, che rendono difficile vivere e fare impresa nel Mezzogiorno molto più che nel resto d’Italia.

Oggi, grazie al Pnnr, – conclude Natale –  abbiamo l’occasione per crescere e superare i divari enormi che spezzano l’Italia. Ci aspettavamo che questo Governo si impegnasse sulle riforme che l’Europa ci ha chiesto di fare, non certo sul ddl Calderoli approvato in fretta e furia.

Abbiamo bisogno di riforme che servono a riequilibrare il Paese e a restituire a tutti i cittadini italiani gli stessi diritti e le stesse opportunità”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail

Fascicolo Sanitario Elettronico »

Fascicolo Sanitario Elettronico

PUBBLICITA’ »

Colacem Sesto Campano
momà

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Fascicolo Sanitario Elettronico »

Fascicolo Sanitario Elettronico

PUBBLICITA’ »

momà
Colacem Sesto Campano

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

Bar il Centrale Venafro
Esco Fiat Lux Scarabeo
Edilnuova Pozzilli
fabrizio siravo assicurazioni
Agrifer Pozzilli
error: