REGIONE – Nola (M5S) ritorna sui Consorzi di Bonifica “La Giunta regionale dia risposte concrete sui debiti. Migliaia di famiglie sono in attesa”

Boschi e giardini di Emanuele Grande
La Molisana Natale plastica
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud

VENAFRO – Consorzi di bonifica, il consigliere regionale del M5S Vittorio Nola attacca di nuovo sull’argomento la Giunta regionale e l’assessore alle politiche agricole Nicola Cavaliere.

“Quest’ultimo – afferma Nola –   poi nel suo tour di presentazione del Complemento di programmazione dello sviluppo rurale o gli gli incontri per illustrare le opportunità che offrono i nuovi fondi comunitari, ad esempio, non bastano a coprire il silenzio sui debiti dei Consorzi di Bonifica.”

“Le difficoltà economico-finanziarie in cui versano i Consorzi – continua Nola – sono da anni sotto gli occhi di tutti. In particolare il disavanzo degli Enti di Termoli e Larino ha superato abbondantemente i 20 milioni di euro e ora anche gli amministratori del Consorzio della piana di Venafro denunciano il mancato trasferimento di contributi e finanziamenti, avanzando una circostanziata richiesta per oltre 600 mila euro di crediti mai erogati dalla Regione Molise. Dunque, sarebbe utile sapere se l’immobilismo su questi temi sia addebitabile al solo presidente Donato Toma.

Non si hanno informazioni infatti se siano state innescate procedure o delibere per assegnare fondi specifici per i tre Enti di cui la Regione è socia. Eppure il riequilibrio finanziario dei Consorzi è questione urgente che giace da tempo sul tavolo dell’assessore alle Politiche agricole. I consorziati, intanto, attendono risposte e un intervento ben definito sul fronte del risanamento degli Enti che sono sempre più in affanno nell’assicurare i servizi minimi e il lavoro ai dipendenti stagionali.

Insomma, occorre offrire soluzioni concrete al Commissario Straordinario di Termoli e Larino e agli amministratori del Consorzio della Piana di Venafro – conclude Nola – . Enti che non possono essere concepiti come “vacche da mungere”, ma che sono risorse preziose alle quali vanno garantiti diritti e un minimo di operatività. E a proposito di questioni economiche legate alla Regione Molise: ma la Giunta regionale quando pensa di approvare il bilancio di previsione 2023? Tra qualche giorno scadono anche i quattro mesi di esercizio provvisorio e nessuno ne parla. Evidentemente, anche in questo caso, si utilizza il silenzio per tentare (invano) di coprire l’incapacità di amministrare e di gestire il Consiglio regionale.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

Edilnuova Pozzilli
Bar il Centrale Venafro
Agrifer Pozzilli
Esco Fiat Lux Scarabeo
fabrizio siravo assicurazioni
error: