ISERNIA – Riaperture delle scuole, riorganizzati gli spazi didattici: l’elenco completo

Boschi e giardini di Emanuele Grande
La Molisana Natale plastica
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud

ISERNIA – In vista della riapertura delle scuole, si è resa necessaria una parziale riorganizzazione degli spazi scolastici, predisposta dall’Amministrazione comunale per far fronte, sin da oggi, alle conseguenze legate ai futuri interventi di riqualificazione di alcuni edifici.

Di seguito la sintesi dei trasferimenti che interesseranno alcune classi dei due Istituti Comprensivi di competenza comunale per l’anno scolastico 2023/2024:
  • SAN PIETRO CELESTINO – Due classi della San Pietro Celestino si spostano dal V Settore (Acqua Solfurea) all’edificio Calabrese della zona PIP di Miranda (verranno ricavate due aule nei piani già abitati).
  • INFANZIA SAN LEUCIO – Quattro classi lasciano l’edificio della scuola “V. Tagliente” di zona San Lazzaro e si spostano nel complesso scolastico di Via Umbria: una classe all’edificio “M. Iavagnilio”, tre classi all’edificio colorato (aule 4-5-6).
  • PRIMARIA SAN LEUCIO – Cinque classi della Primaria San Leucio restano, in attesa dell’inizio dei lavori di demolizione e ricostruzione, nell’ex Centro Anziani di via Umbria. Altre cinque classi della Primaria San Leucio restano nell’edificio della scuola “M. Iavagnilio”.
  • PRIMARIA SAN GIOVANNI BOSCO – Dieci classi restano nell’edificio colorato di via Umbria, due (che faranno posto all’Infanzia San Leucio) vanno al Polo Nuovo sempre in via Umbria.
“Al centro di ogni decisione abbiamo messo la sicurezza e il benessere dei nostri alunni, la necessità di consegnare ambienti adatti a fare scuola, anche provvedendo alla sistemazione di alcuni locali in modo da garantire la consegna di luoghi idonei allo svolgimento delle attività didattiche – fanno sapere dal Comune -.
Una rimodulazione che rappresenta il primo passo di un più ampio percorso verso un ritorno alla normalità. Iniziamo a tracciare la rotta che, in futuro, riporterà il nucleo delle attività didattiche nel centro cittadino.
L’Amministrazione ha dovuto, obbligatoriamente, agire in un quadro di emergenza legato ai suddetti interventi di riqualificazione e si è mossa sulla base di riflessioni e ragionamenti scaturiti da un confronto costante con la struttura tecnica del Comune e le Istituzioni scolastiche.
Si tratta di soluzioni transitorie, adottate sulla base delle strutture attualmente nelle disponibilità del Comune.
Consapevoli che qualche difficoltà di adattamento ci potrà essere, chiediamo un piccolo sforzo alle famiglie nel comune interesse di giungere, in futuro, ad una complessiva e stabile riorganizzazione dell’intera rete di edilizia scolastica.
Ciò sarà possibile, gradualmente, ad ultimazione dei lavori di ristrutturazione degli edifici cittadini adibiti a plessi scolastici. Nel frattempo riteniamo di aver individuato soluzioni che rispondono alle esigenze del momento senza perdere di vista gli obiettivi a lungo termine.
Ringraziamo gli organi scolastici dei due Istituti per la disponibilità e per la comprensione mostrate in questa delicata fase. Essere comunità vuol dire venirsi incontro e ragionare insieme per il bene collettivo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail

Fascicolo Sanitario Elettronico »

Fascicolo Sanitario Elettronico

PUBBLICITA’ »

Colacem Sesto Campano

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Fascicolo Sanitario Elettronico »

Fascicolo Sanitario Elettronico

PUBBLICITA’ »

Colacem Sesto Campano

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

Bar il Centrale Venafro
Esco Fiat Lux Scarabeo
fabrizio siravo assicurazioni
Agrifer Pozzilli
Edilnuova Pozzilli
error: