REPLICA – Sanità, Giuseppe Di Pietro (Assostampa) “Lo sfascio è colpa di chi l’ha gestita non dei giornalisti”

mama caffè bar venafro
La Molisana Natale plastica
Boschi e giardini di Emanuele Grande
Smaltimenti Sud

CAMPOBASSO  – Sanità in Molise, la replica al Commissario straordinario ad acta Bonamico, secondo cui c’è troppa pressione da parte dei media sulla sanità che non la renderebbe attrattiva e che non darebbe una bella immagine all’esterno causando un grandissimo handicap per il comparto stesso, del presidente dell’Associazione stampa del Molise Giuseppe Di Pietro è stata immediata.

“Lo sfascio della sanità molisana è colpa di chi l’ha gestita negli ultimi 20 anni, non dei giornalisti che fanno il proprio dovere. Prima il Presidente della Regione, Francesco Roberti, ieri il Commissario ad acta, Marco Bonamico, hanno evidenziato che sul settore c’è “troppa pressione” dei media, che ne compromette l’immagine e non lo rende attrattivo.

Bonamico è andato anche oltre nelle offese, quando ha sostenuto che si parla tanto di sanità perché “non c’è molto da scrivere”. Praticamente un mondo al rovescio, dove la politica e i manager negano le proprie responsabilità e accusano la stampa di denunciare sprechi, inefficienze, liste d’attesa infinite, 600 mln di euro di debiti, fornitori pagati dopo mesi, mancanza di medici, gestioni disastrose come quelle del covid, pronto soccorso intasati, dirigenti incapaci e tasse ai massimi livelli per i cittadini. Ovvero, non si contesta la veridicità delle notizie, ma la loro divulgazione come elemento destabilizzante. Politici e manager non chiedono scusa per i fallimenti di
commissari, sub commissari, direttori generali e pletore di dirigenti che si sono succeduti al comando della sanità molisana, ma puntano l’indice su chi racconta i fatti. La verità è che i medici italiani non vengono nella nostra regione perché sanno, dai loro stessi colleghi, quale situazione disastrosa troverebbero.

Il dovere deontologico di chi fa il nostro mestiere è, invece, quello di informare i cittadini sempre e comunque. Il patto tra lettori e giornalisti si basa su questo assunto che, ove mai venisse violato, intaccherebbe i valori su cui è incardinata la professione. Per quanto riguarda, infine, la sanità molisana, chi ha il dovere di condurla verso l’efficienza e fuori dal deficit inizi a lavorare e dimostrare le proprie capacità. I giornalisti saranno ben felici di raccontare anche le buone notizie.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

Agrifer Pozzilli
fabrizio siravo assicurazioni
Esco Fiat Lux Scarabeo
Edilnuova Pozzilli
Bar il Centrale Venafro
error: